The Witcher, scoppia la causa con lo scrittore: vuole più soldi

Autore: Stefania Sperandio ,
Copertina di The Witcher, scoppia la causa con lo scrittore: vuole più soldi

È il momento della diatriba legale tra lo studio CD Projekt RED, autore della saga The Witcher, e lo scrittore Andrzej Sapkowski, scrittore dei romanzi che hanno originato i videogiochi. A rivelarlo è un documento reso noto proprio dalla software house, in cui l'entourage legale dello scrittore chiede un adeguamento ai diritti d'autore ricevuti con la cessione dell'universo di Geralt: parliamo di ben 16 milioni di dollari.

L'oggetto del contendere: The Witcher

Sapkowski accettò di vendere i diritti sui suoi romanzi a CD Projekt RED, per l'adattamento a videogioco, prima dell'uscita dell'originale The Witcher, nei primi anni 2000. Lo scrittore, tuttavia, non aveva previsto il successo che avrebbero raggiunto i lavori della software house, motivo per cui all'epoca accettò una cifra non resa nota, ma che sarebbe relativamente bassa.

Advertisement

CD Projekt RED
Geralt di Rivia in The Witcher
Geralt di Rivia nel primo videogioco The Witcher

Oggi, con gli oltre 33 milioni di copie vendute dai videogiochi di Geralt in tutto il mondo, il suo team legale è tornato alla carica per chiedere un adeguamento, appellandosi all'articolo 44 della legge sui copyright della Polonia del 1994. Quest'ultimo può essere utilizzato nelle sedi legali proprio qualora si ritenga che il compenso avuto da un autore per i suoi diritti sia troppo basso rispetto ai profitti avuti dal concessionario.

Inoltre, secondo i legali di Sapkowski, la vendita dei diritti sarebbe stata relativa a un solo videogioco, e non a una trilogia, motivo per cui CD Projekt RED dovrebbe pertanto corrispondere il compenso mancante.

CD Projekt RED
Uno screenshot di gioco da The Witcher 3: Wild Hunt
Geralt e Yennefer in The Witcher 3

Come era facile prevedere, il team di sviluppo nega ogni accusa e precisa che gli accordi non erano limitati a un solo prodotto. Inoltre, conferma che Sapkowski rifiutò la possibilità di avere una parte degli incassi del gioco, poiché non credeva minimamente che avrebbe avuto successo.

La discussione si potrebbe ora spostare nelle aule del tribunale, con entrambe le posizioni nette e lontanissime. Sia Sapkowski che CD Projekt RED, però, hanno già fatto sapere che preferirebbero trovare una soluzione amichevole, che non mini i rapporti tra le parti. L'intento sarebbe quindi quello di rinegoziare gli accordi precedenti, in maniera da accontentare, nei limiti del ragionevole, sia la software house che lo scrittore.

Advertisement
CD Projekt RED
Geralt e Triss in The Witcher 3
Anche Triss Merigold è nata dalla penna di Andrzej Sapkowski

Nella sua nota sulla questione, CD Projekt RED scrive:

Advertisement

La volontà della compagnia è quella di mantenere buoni rapporti con l'autore delle opere che hanno ispirato le creazioni di CD Projekt RED.

Il team polacco precisa, però:

In ogni caso, qualsiasi soluzione dovrà essere rispettosa degli intenti precedentemente espressi da entrambe le parti, oltre che dei contratti vigenti.

Attendiamo di scoprire in che modo si risolverà la diatriba, considerando che le richieste degli avvocati di Sapkowski indicavano a CD Projekt RED la scadenza del 19 ottobre per l'inizio delle negoziazioni.

IGN Polska
Un primo piano di Sapkowski
Andrzej Sapkowski, lo scrittore che ha dato vita alla saga di Geralt di Rivia

Sapkowski ammette: mai creduto nel loro successo

Fu lo stesso scrittore, nel corso di un'intervista concessa nel 2017 a Eurogamer.net, ad ammettere di non aver mai creduto alla possibilità che i videogiochi di CD Projekt RED avessero successo:

Portarono una grossa borsa piena di soldi. Sono stato abbastanza stupido da vendergli i diritti, mi hanno anche offerto una percentuale sui loro profitti, ma dissi 'non ci saranno affatto dei profitti, datemi i miei soldi, ora, e datemeli tutti quanti seduta stante.' È stato stupido. E sono stato abbastanza stupido da lasciare tutto nelle loro mani, perché non credevo che avrebbero avuto successo. Ma chi avrebbe mai potuto prevederlo? Io di sicuro no.

CD Projekt RED
Le boxart di The Witcher 3

Le leggi vigenti e gli accordi precedentemente firmati dallo scrittore riusciranno a garantirgli una nuova fetta di diritti d'autore, visto il successo videoludico ottenuto da Geralt? Aspettiamo di scoprirlo e riferirvelo sulle pagine di NoSpoiler, in attesa anche della serie tv dedicata alla saga.

Advertisement
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Il significato del gesto di Ellie nell'episodio 3 della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire tutti i dettagli sul comportamento del personaggio di Ellie nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Il significato del gesto di Ellie nell'episodio 3 della serie TV The Last of Us

Il terzo episodio della serie TV The Last of Us è stato incentrato quasi per intero sulla storia dei personaggi Bill e Frank. Nonostante questo, nel corso del medesimo episodio anche la trama relativa a Joel ed Ellie ha fatto qualche passo avanti.

Una scena in particolare che riguarda proprio Ellie ha destato curiosità perché non è di facile interpretazione. Si tratta del momento in cui Ellie incide con una lama il viso di un infetto. Ovvero le particolari creature presenti nel mondo di The Last of Us.

Sto cercando altri articoli per te...