Thor: Ragnarok, Taika Waititi presentò il suo progetto con un video demo illegale

Autore: Claudio Rugiero ,
Copertina di Thor: Ragnarok, Taika Waititi presentò il suo progetto con un video demo illegale

Forse non tutti conoscono un aspetto dietro alla realizzazione di Thor: Ragnarok. Si tratta di un episodio strettamente legato all'ingaggio di Taika Waititi alla regia del terzo capitolo sull'eroe asgardiano del Marvel Cinematic Universe.

Quando fu annunciato che il regista neozelandese, già autore di alcune commedie indie (come ad esempio What We Do in the Shadows), avrebbe raccolto lo scettro di Kenneth Branagh e Alan Taylor, ad alcuni era parsa una scelta piuttosto insolita. Come avrebbe potuto un regista con una visionarietà così lontana dall'universo dei cinecomic dimostrarsi all'altezza della regia di Thor: Ragnarok?

Advertisement

Eppure Waititi aveva già pronta una sua visione del nuovo film incentrato sul Dio del Tuono: "Sentivo di avere qualcosa da offrire", ha detto il regista durante la sua ospitata alla radio canadese CBC. E noi sappiamo che il suo primo obiettivo, una volta messe le mani sul terzo film di Thor, era innanzitutto quello di prendere le distanze dagli altri film Marvel.

Per convincere lo studio della sua idoneità al tanto ambito incarico, Waititi realizzò inoltre un video demo che illustrava la sua idea innovativa che oggi tutti conosciamo. Ma per montare questo suo showreel dovette ricorrere a del materiale illegale comodamente scaricato dai torrent:

Quando sono arrivato non c'era nessuna storia. Non avevano idee né una trama, davvero. Così ho montato insieme delle brevi clip e alcune inquadrature. In pratica ho scaricato illegalmente su Internet alcune clip prese da altri film.

Così il regista si è lasciato andare a dichiarazioni non proprio adeguate in barba alle leggi sulla pirateria.

Qui sotto trovate la sua intervista nel corso della sua ospitata alla radio CBC:

"Non mi dispiace dirlo alla radio", ha ammesso il regista con nonchalance salvo poi aggiungere scherzoso: "Puoi tagliarlo".

Come racconta lui stesso, il video presentato aveva come base musicale il brano Immigrant Song dei Led Zeppelin.

Advertisement

Il video demo di Taika Waititi secondo Kevin Feige

L'esistenza del video demo di cui parla Waititi trova conferma anche nelle parole di Kevin Feige, produttore del film, il quale aveva dichiarato a Screenrant:

Advertisement

A volte i registi usano clip di altri film per dirci: 'Ecco cosa ho in mente'. Non sempre sono buoni, ma il più delle volte vanno bene.

E il video di Waititi? Feige sembra serbarne un buon ricordo (e d'altronde non potrebbe essere diversamente):

Il suo era incredibile. Ed era accompagnato da quella canzone dei Led Zeppelin. Quindi fin dall'inizio quella canzone ha definito ciò che Taika avrebbe fatto con questo film. 

Feige non risparmia certo i complimenti al visionario regista e ha definito il suo lavoro in Thor: Ragnarok "davvero impressionante".

Di certo l'idea di scegliere proprio Waititi come regista di Thor: Ragnarok - scelta forse un po' azzardata per un cine-comic - ha cambiato le sorti dell'eroe asgardiano regalandogli una nuova immagine e un successo clamoroso.

In più, Waititi si è visto ripagato dei suoi sforzi e sogna addirittura di dirigere un film su Vedova Nera.

Advertisement

Voi cosa ne pensate? Siete d'accordo con Feige? Lo vorreste Waititi a dirigere un altro cine-comic?

Diteci la vostra attraverso il sondaggio qui sotto proposto.

[POLL]

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Boyega lamenta di non essere stato difeso come Moses Ingram da Lucasfilm

Leggi cosa ha dichiarato l'attore di Star Wars John Boyega sul recente approccio di Lucasfilm in merito agli insulti razzisti
Autore: Giulia Angonese ,
Boyega lamenta di non essere stato difeso come Moses Ingram da Lucasfilm

John Boyega, attore di Star Wars, è recentemente tornato sul problema degli insulti razzisti ricevuti dal fandom della celebre saga. Ma facciamo prima un breve riassunto per avere chiara la situazione. 

A fine maggio, quando sono stati rilasciati da Disney Plus i primi episodi di Obi-Wan Kenobi, Moses Ingram, protagonista della serie nel ruolo dell’Inquisitrice Reva Sevander, è stata vittima, sui social, di centinaia di insulti razzisti e minacce di morte. Lucasfilm e l’intero mondo di Star Wars hanno immediatamente dato supporto all’attrice: l’account twitter del franchise ha condiviso un video dove Ewan McGregor, interprete del maestro Jedi, si dice nauseato dalla situazione e condanna, con toni aspri, il razzismo nei confronti della collega. 

Sto cercando altri articoli per te...