Tilda Swinton conferma il doppio ruolo in Suspiria (con tanto di protesi maschili)

Autore: Claudio Rugiero ,
Copertina di Tilda Swinton conferma il doppio ruolo in Suspiria (con tanto di protesi maschili)

Una delle novità più interessanti dell'atteso Suspiria di Luca Guadagnino riguarda la performance di Tilda Swinton. L'attrice premio Oscar per Michael Clayton ha vestito infatti i panni di due personaggi diversi nell'horror diretto dal regista palermitano.

Nel film che vedremo in sala a gennaio 2019, la Swinton sarà innanzitutto Madame Blanc, la sofisticata e misteriosa direttrice della Markos Tanz Company, personaggio originariamente interpretato da Joan Bennett.

Advertisement

Ma a catturare l'attenzione dei fan è stato il suo secondo ruolo, quello del dottor Jozef Klemperer (sì, avete capito bene: vestirà i panni di un uomo!), che nei titoli di coda viene attribuito ad un inesistente attore tedesco, tale Lutz Ebersdorf.

Amazon Studios
Collage di poster con Madame Blanc e col dottor Klemperer

Su quest'ultimo dettaglio va innanzitutto precisato che non si tratta assolutamente di uno spoiler perché il fatto che la Swinton interpreti entrambi i ruoli non nasconde alcun riferimento ad eventuali sviluppi sulla trama di Suspiria.

Tornando allo pseudonimo usato dall'attrice per nascondersi meglio dietro il personaggio del dottor Klemperer, lei stessa ha confessato in un'intervista rilasciata a New York Times di averlo fatto per "puro divertimento":

Devo ammettere di [averlo fatto, n.d.r.] solo per puro divertimento. Come direbbe mia nonna: 'noioso non è'.

Tuttavia, la Swinton non si ha aspettava che questo dettaglio venisse fuori. Anzi, durante le riprese delle scene del dottor Klemperer si faceva addirittura chiamare Lutz.

Poiché tutti andavano a cercare notizie inesistenti su questo misterioso personaggio, l'attrice aveva quindi scritto in prima persona una finta biografia su IMDB (via BloodyDisgusting) In quest'ultima il suo pseudonimo veniva presentato come un famoso psicanalista mai apparso in nessun film con un sogno nel cassetto: un futuro nel cinema.

IMDB/Screenshot by Bloody Disguting
La biografia di Lutz Ebersdorf su IMDB

Ma non è finita qui. Come si legge sul NYT, il truccatore Mark Coulier ha raccontato che la Swinton ha inoltre trascorso diversi giorni sul set con indosso delle speciali protesi riproducenti gli attributi maschili:

Advertisement
Advertisement

Ci ha fatto costruire un pene e dei testicoli. Aveva questo set di genitali bello pesante, in modo che potesse sentirlo penzolare tra le sue gambe, ed è riuscita a farlo sapere sul set in un paio di occasioni: 'Dove sono i genitali finti della Swinton?' 'Probabilmente in una scatola da qualche parte!'

D'altronde, le capacità camaleontiche dell'attrice sono note. Perché allora non trasformarsi direttamente in un finto attore che interpreta un ruolo secondario in Suspiria? 

La sua abilità nei travestimenti va di pari passo con il perfezionismo e l'immersione in un personaggio del sesso opposto è stata quindi tutt'altro che superficiale.

Eppure, nonostante il suo impegno, la Swinton non ha potuto evitare di trovarsi di fronte all'interrogativo da lei più temuto: "Chi è Lutz Ebersdorf?".

Veramente il mio sogno era che non avremmo mai affrontato questa domanda. La mia idea era che Lutz sarebbe morto durante la post-produzione e il suo 'In Memoriam' sarebbe stato l'ultimo riconoscimento nel film.

In effetti, fin dall'inizio, sia la Swinton che Guadagnino hanno mantenuto il massimo riserbo sull'identità di Lutz Ebersdorf.

Nonostante i più attenti avessero già intuito il mistero grazie ad alcuni scatti sul set presenti in rete che ritraevano l'attrice con indosso il trucco del dottor Klemperer, Guadagnino aveva bollato queste notizie come "false".

Advertisement

Le recenti dichiarazioni della Swinton a New York Times hanno però messo definitivamente fine alla sua identità segreta.

Ma non temete: i misteri di Suspiria sono appena cominciati!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...