Timeless – recensione dell'episodio 1x12: Jesse James e Il Vecchio West

Autore: Paola Pirotti ,
Copertina di Timeless – recensione dell'episodio 1x12: Jesse James e Il Vecchio West

I drammi e i destini dei nostri tre viaggiatori del tempo si incrociano con le lande innevate americane del 1882. E nessuno sembra pronto ad una nuova avventura. 

La giornata dei nostri protagonisti non comincia nel migliore dei modi in Jesse James e Il Vecchio West.
Lucy lotta contro il senso di colpa verso la scomparsa di sua sorella.
Rufus scopre ben presto quali sono le conseguenze del gesto avventato dello scorso episodio. Sfidare Rittenhouse ha delle conseguenze davvero inaspettate.
Wyatt deve vincere il desiderio di vendetta contro l’uomo che ha ucciso sua moglie.

Advertisement

Timeless sceglie di gettare le angosce dei tre giovani ragazzi in pasto ad un western in piena regola, nel 1882. Sin da subito, però, ci accorgiamo che i nostri protagonisti hanno completamente perso la concentrazione.

Quale parte del ‘Jesse James uccide delle persone’ non ti è chiara? Muore gente che non dovrebbe morire. Più a lungo vivrà, più si incasinerà la storia. E da quando sono io quello che si preoccupa della storia? - Wyatt

Come vuole ogni western che si rispetti, abbiamo buoni e cattivi. Jesse James e lo Sceriffo Bass Reeves, due uomini con diversi ideali, ma un codice d'onore comune. Saranno proprio loro a dimostrare ai nostri viaggiatori che i limiti sono importanti e che superarli potrebbe segnarli per sempre. 

Il Cavaliere solitario è nero? È… stupefacente! - Rufus

Un senso di inquietudine avvolge i tre protagonisti. Per la prima volta nella serie non c’è una chiusura totalmente positiva. E mentre ognuno combatte con i propri demoni, Jesse James fa riflettere Flynn sulle reali intenzioni che nascondono la sua causa. E se amasse davvero uccidere? Se il nostro amato villain stesse cercando solo una giustificazione per uccidere?

Timeless - 1x12: Jesse James e Il Vecchio West
Lucy affronterà un nuovo dilemma in Jesse James e Il Vecchio West

Il colpo di scena, però, arriva a metà episodio, quando Flynn incontra una donna misteriosa che non sembra essere di quell’epoca. Man mano che le informazioni vengono rivelate, scopriamo che la donna, Emma Whitmore, è stata il primo pilota delle Industrie Mason.

Come i nostri viaggiatori, anche Emma ha subito le minacce di Rittenhouse, che l’hanno segnata per sempre. La sua unica via d’uscita è stata rifugiarsi nel passato. Quali conseguenze avrà questo nuovo e interessante dettaglio sui prossimi episodi? Fin dove si spingerà l'ambiguità di Connor Mason? Confidiamo che l'affetto per Rufus sia più forte della paura per Rittenhouse.

Advertisement

Timeless - 1x12: Jesse James e Il Vecchio West
Flynn si allea con Jesse James per raggiungere il suo scopo

Quest’ultimo episodio di Timeless non è stato dei più coinvolgenti, ma di certo non è stato privo di sviluppi personali. Meno azione, ma più dialoghi e ripercussioni. La serie non si ferma ad una singola e precisa struttura narrativa, ma sperimenta ancora come se stesse creando un mosaico, con nuovi piccoli colpi di scena e tormenti personali al centro dell'episodio. 

Advertisement

Il peso sulle spalle di Lucy, Wyatt e Rufus comincia a diventare sempre più insostenibile.

Cosa succederà nel prossimo episodio? Lo scopriremo domenica su FOX alle 21.00!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La sigla di House of the Dragon, signifcato ed easter egg [VIDEO]

Leggi per scoprire tutti i dettagli sulla storia di House of the Dragon, che sono nascosti nella sigla di apertura della serie.
Autore: Francesca Musolino ,
La sigla di House of the Dragon, signifcato ed easter egg [VIDEO]

La premiere della nuova serie TV House of the Dragon è stata senza dubbio uno dei programmi più visti del momento. Nonostante alcune critiche per determinati contenuti, ha stabilito un nuovo record con ascolti da capogiro che hanno addirittura mandato in tilt il servizio streaming di HBO. Come se non bastasse, a poche ore da tale messa in onda è arrivata anche la conferma del rinnovo della serie per una seconda stagione. Un successo su tutti i fronti dunque, anche se tuttavia un piccolo dettaglio era assente nel primo episodio di House of the Dragon. Qualcosa che non può mancare all'appello, in un contenuto che è lo spin-off/prequel de Il Trono di Spade. 

Questa "mancanza" chiaramente voluta di proposito, è stata subito colmata nel secondo episodio della serie dove i fan più nostalgici de Il Trono di Spade hanno fatto un vero e proprio tuffo di emozioni nel passato: ci riferiamo alla sigla di apertura di House of the Dragon. La quale, oltre ad avere la stessa meravigliosa musica de Il Trono di Spade composta da Ramin Djawadi, riporta anche le immagini con lo stesso tipo di schema. Una struttura in 3D che prende forma lungo la strada, mentre passa da un luogo all'altro della mappa dei Sette Regni e fa immergere completamente lo spettatore in quell'ambiente, attraverso un viaggio virtuale nel mondo immaginario della serie.

Sto cercando altri articoli per te...