Tommy Hilfiger lancia la prima linea di abbigliamento smart

Autore: Mario Spagnoletto ,
Copertina di Tommy Hilfiger lancia la prima linea di abbigliamento smart

Come convincere la gente comune a fare da ambasciatore non ufficiale per un marchio di moda?

Semplice, crei dei vestiti smart.

Advertisement

Tommy Hilfiger sta lanciando una linea di abbigliamento, Tommy Jeans Xplore, che utilizza una funzionalità Bluetooth integrata per offrire premi ed esperienze uniche agli acquirenti. In pratica in base a quanto vestirai abbigliamento del brand statunitense, riceverai punti, spendibili in premi. Verrai "pagato" per diventare una sorta di 'cartellone pubblicitario umano'.

La linea Xplore comprende abiti da uomo, donna e unisex, ed è disponibile negli Stati Uniti sul sito web di Tommy Hilfiger.

Advertisement

Sono numerose le domande a cui Tommy Hilfiger ha dovuto rispondere, in particolare quella sulla tutela della privacy. La società non ha affrontato apertamente il problema della raccolta dei dati, ma ha sottolineato che è il Bluetooth deve essere attivo in qualsiasi momento.

Le informazioni del tag smart vengono crittografate e aggiunte e tutte le informazioni personali. Tutto questo non ispira molta fiducia agli acquirenti.

Ma questo non è l'unico problema. I clienti accetteranno di veder violata la loro privacy per avere in cambio solo alcuni vantaggi? Questo è un esperimento di abbigliamento che serve a reclutare modelli come tester, e non c'è certezza che si offrano volontari a frotte.

Via Engadget

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

Altre 300 persone hanno perso il lavoro a causa della crisi Netflix, che comunque continua a investire su prodotti originali.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

È la stessa azienda ad annunciarlo. Netflix ha purtroppo licenziato altri 300 dipendenti, dopo averne "mandati a casa" 150 il mese scorso. Si tratta di un nuovo taglio del personale pari al 3% della forza lavoro dell'azienda che conta circa 11 mila dipendenti.

La dichiarazione di un portavoce di Netflix ha fatto sapere che:

Sto cercando altri articoli per te...