Toy Story 4 è il Miglior film d'animazione agli Oscar 2020

Autore: Matteo Tontini ,
Copertina di Toy Story 4 è il Miglior film d'animazione agli Oscar 2020

Agli Oscar 2020 è stato celebrato il grande trionfo di Parasite, che ha sbaragliato la concorrenza nella categoria di Miglior film grazie a una sceneggiatura impeccabile e una regia di alto livello. È stata, tuttavia, anche la notte di Toy Story 4: il lungometraggio Pixar si è portato a casa la statuetta di Miglior film d'animazione, battendo pellicole altrettanto valide come Klaus, Dov'è il mio corpo?, Dragon Trainer – Il mondo nascosto e Missing Link.

Non era certo semplice farla franca con avversari simili. Il 2019 è stato un anno ricco di produzioni interessanti nel mondo dell'animazione e ha portato alla luce il problema relativo a cosa dovrebbe essere considerato "animato" e cosa no: è questo il caso del remake live-action de Il re leone, che è stato incluso nella categoria di Miglior film d'animazione ai Golden Globe 2020 nonostante puntasse al fotorealismo.

Advertisement

Toy Story 4 non venne visto di buon occhio dai fan al suo annuncio. Erano in molti infatti a pensare che il film non sarebbe stato necessario dopo il finale commovente del terzo capitolo. Con Toy Story 3, d'altronde, è stato messo un punto all'arco narrativo di Woody e Andy e il suo epilogo aveva tutto il sapore di una fine vera e propria.

Nei primi tre capitoli c'è una grande evoluzione del cowboy giocattolo: inizialmente geloso di Buzz, nuovo acquisto del suo amico umano, cerca in tutti i modi di guadagnarsi le attenzioni del bambino dimostrandosi un compagno di giochi fedele. Pian piano, tuttavia, Woody raggiunge una maturità tale da capire quand'è il momento di lasciar andare Andy.

Toy Story 4 e il premio Oscar conteso

Il quarto film della saga Disney Pixar ha conquistato una delle statuette più contese di tutta la serata: visti i numerosi premi vinti da Klaus nelle settimane precedenti agli Oscar 2020, la pellicola natalizia di Netflix aveva tutte le carte in regola per strappare il successo a quella Pixar, che alla fine ha avuto la meglio.

Advertisement

Diretto da Josh Cooley, #Toy Story 4 introduce il personaggio di Forky, nuovo giocattolo fatto con una forchetta di plastica e altri pezzi di scarto che prende vita. Avendo difficoltà a integrarsi con il resto del gruppo (perché si sente semplice spazzatura), Forky diventa il motivo per cui Woody si ritrova a vivere una nuova avventura, insieme ad amici vecchi e nuovi. Il cowboy scopre così quanto sia grande, e talvolta ostile, il mondo per un giocattolo.

Per realizzare il film sono stati investiti circa 200 milioni di dollari e il fatturato è stato a dir poco straordinario: la produzione Disney Pixar ha infatti raggiunto quota 1,07 miliardi di dollari al box office mondiale.

Prima della statuetta agli Oscar 2020, la pellicola ha vinto il Chicago Film Critic Association Award e il Critics' Choice Award nella stessa categoria, oltre al Saturn Award come Miglior film fantasy.

Toy Story 4 Toy Story 4 Woody, Buzz e compagni sono ora i giocattoli di Bonnie, una bambina dolcissima che sta per affrontare un passo importante della sua giovane vita: l'inizio della scuola. C'è fermento tra ... Apri scheda

Advertisement

Per i veri appassionati della saga firmata da Pixar Animation Studios segnaliamo la disponibilità di: DVD, Blu-Ray e Blu-Ray 3D di Toy Story 4 su Amazon.

Prodotto Consigliato 9.7€ da Amazon 9.60€ da Disney/Pixar Prodotto Consigliato 10.2€ da Amazon 12.57€ da Disney/Pixar Prodotto Consigliato 20.79€ da Amazon 16.81€ da Disney/Pixar

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

I più visti del 2020 negli USA: Disney+ vince coi film, ma Netflix domina con le sue serie

Un anno difficile, ma non per le piattaforme streaming che nel 2020 sono state utilizzate in larga scala dappertutto.
Autore: Cristina Migliaccio ,
I più visti del 2020 negli USA: Disney+ vince coi film, ma Netflix domina con le sue serie

Il 2020 non è stato un anno facile, ma ha sicuramente aiutato il mondo della televisione ad aumentare il pubblico di riferimento. Complice la pandemia causata dal Covid-19, in tantissimi - trovandosi chiusi in casa e non sapendo cos'altro fare - hanno trovato conforto nella televisione, in particolare attingendo alle piattaforme streaming e ai loro vasti contenuti. Ma a contendersi il podio sono sicuramente Netflix e Disney+, almeno negli Stati Uniti. 

Da un recente studio del fenomeno streaming, come evidenziato da Nielsen, gli utenti nel 2020 hanno premiato in gran parte l'originalità (quindi prodotti made by Netflix e Disney), mentre l'altra fetta d'attenzione è stata catturata da serie TV in licenza molto amate a carattere internazionale: un esempio della sezione originale Netflix è #Ozark, giunta alla terza stagione e che gli utenti hanno guardato per circa 30,5 miliardi di minuti per un totale di 28 episodi.

Sto cercando altri articoli per te...