Tredici: la scena del suicidio di Hannah rivista dopo le polemiche

Autore: Chiara Poli ,
Netflix
1' 42''
Copertina di Tredici: la scena del suicidio di Hannah rivista dopo le polemiche

Non c’è pace per Hannah Baker. La giovane protagonista di Tr3dici interpretata da Katherine Langford è stata oggetto di roventi polemiche per una scena che ha spinto Netflix a decidere di modificare il finale della prima stagione.

Il drammatico suicidio di Hannah, culmine di una lunga e straziante sequenza della durata di quasi tre minuti, come ci ricorda Deadline, dopo due anni dalla distribuzione è ancora talmente contestata da spingere Netflix a rimontarla.

Advertisement

La conferma è arrivata con una dichiarazione:

Abbiamo sentito dire da molti giovani che Tr3dici li ha incoraggiati a iniziare conversazioni su argomenti difficili come la depressione e il suicidio e a chiedere aiuto, spesso per la prima volta. Mentre ci prepariamo a lanciare la stagione 3 più avanti nel corso dell’estate, siamo consapevoli del dibattito in corso che ruota attorno alla serie. Quindi, su consiglio di esperti medici tra cui la dottoressa Christine Moutier, Medico a capo della American Foundation per la prevenzione del suicidi, abbiamo deciso insieme al creatore Brian Yorkey e ai produttori di modificare la scena in cui Hannah si toglie la vita nella stagione 1.

Era il 2017 quando Netflix lanciò la prima stagione, che trattava argomenti molto difficili come il suicidio giovanile, il bullismo, la violenza sessuale e molto altro. 

Advertisement

Alcuni ricercatori avevano osservato un incremento di quasi il 28% dei suicidi fra ragazzini di età compresa fra i 10 e i 17 anni nel mese successivo alla distribuzione della prima stagione di Tr3dici.

Si trattò del picco in uno studio che aveva preso in esame quel gruppo d’età per un arco temporale di 5 anni.

Nei nove mesi successivi all’uscita di Tr3dici, ci furono altre 195 morti per suicidio in quella fascia d’età, molte più di quelle che secondo gli studi dei ricercatori ci si sarebbe dovuti aspettare.

Questo, e la drammaticità di alcune scene, avevano scatenato un dibattito molto acceso attorno alla serie, portando infine alla decisione di rimontare il primo finale di stagione dopo due anni.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

5 grandi titoli, diventati successi su Netflix, che sono pieni di difetti e momenti trash ma che si fanno guardare fino alla fine.
Autore: Simone Rausi ,
5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

I dialoghi sono banali, il ritmo è lento, i personaggi sono stereotipati, la fotografia è scadente. Potrei passare al setaccio ogni fotogramma delle serie che vi sto per elencare (e l'ho fatto, è il mio lavoro) ma alla fine di tutto, ciò che più conta è la storia. Cosa dobbiamo chiedere a una serie TV? Coinvolgimento, innanzitutto. Vogliamo che i personaggi ci portino dentro il loro mondo, vogliamo avere una storia da ritrovare la sera e a cui pensare durante il giorno. Queste cinque serie lo fanno. Tecnicamente sono piene di difetti, ma piacciono. Non a caso si tratta di titoli bandiera di Netflix, tutti successoni tanto amati al pubblico, ma meno dalla critica. Eccoli…

Dietro i suoi occhi

È una delle new entry del catalogo Netflix e in poche settimane ha scalato la top Ten. Dietro i suoi occhi è un dramedy. Anzi è un thriller. No, è un fantasy. A volte è persino un horror. Il fatto che non sia incasellabile non è necessariamente un difetto, anche se il pubblico vuole sapere cosa guarda e ogni serie stipula con lo spettatore un patto fin dalla prima puntata. In questo mischione di stili – che rompe il patto diverse volte a episodio – i personaggi fanno scelte stupide e si muovono su una narrazione discontinua (all’inizio lenta, poi frenetica). Ma che importa! Dietro i suoi occhi si “beve” in un paio di sere e fa una specie di incantesimo allo spettatore che avrà solo voglia di arrivare alla fine. Una sorprendente, inattesa, sensazionale, poco credibile, quasi ridicola ma emozionante fine.

Sto cercando altri articoli per te...