Tredici: una controversa morte della stagione 4 accende le polemiche

Autore: Marcello Paolillo ,
Netflix
3' 17''
Copertina di Tredici: una controversa morte della stagione 4 accende le polemiche

#Tredici, nota anche come 13 Reasons Why, è l'ormai nota serie televisiva statunitense creata da Brian Yorkey e basata sul romanzo 13 di Jay Asher.

La prima stagione (uscita nel 2017) ci ha raccontato le vicende che seguono il suicidio della giovane Hannah Baker, una ragazza che ha deciso di registrare i tredici motivi che l'hanno spinta a togliersi la vita. Nelle tre stagioni successive, lo show segue invece le vicende dei ragazzi della Liberty High School.

Advertisement

Tredici ha fatto particolarmente discutere per via dei delicati temi trattati, come il suicidio, il bullismo, la violenza sessuale e l'omosessualità. La quarta stagione della serie ha offerto ai fan uno dei colpi di scena meno graditi di sempre, tanto che non sono mancate polemiche (anche via social) riguardo una morte decisamente sconvolgente, l'addio a uno dei protagonisti preferiti da tutti quelli che seguono lo show dalla prima stagione.

La morte di Justin nell'episodio finale

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Justin Foley, interpretato dall’attore Brandon Flynn, è morto nell'ultimo episodio della quarta stagione di Tredici (il decimo).Dopo aver rotto con Jessica Davis (Alisha Boe), deciso a uscire una volta per tutte dalla tossicodipendenza e a dedicarsi a sé stesso, Justin non reggerà però lo stress e ricadrà ben presto nella spirale della droga. Ciò lo porterà a fare il test dell’HIV e a scoprire suo malgrado che il virus è la causa del peggioramento di alcune malattie preesistenti che gli impediranno di respirare in maniera autonoma.Purtroppo, l'unica soluzione per il giovane giocatore di football sarà quella di passare gli ultimi giorni che gli restano in ospedale, con la famiglia Jensen (incluso Clay, interpretato da Dylan Minnette), Jessica e tutti gli amici del ragazzo. Questi ultimi saranno costretti ad accettare la dura realtà, senza poter fare nulla per salvargli la vita.

La reazione dei fan

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Sul profilo Instagram dell'attore Justin Foley è esplosa una polemica, anche per via del fatto che le tematiche trattate nel finale di stagione (come il contagio da HIV, da sempre argomento trattato con particolare delicatezza dall'opinione pubblica) hanno smosso gli animi dei fan, a cui la morte del personaggio non sembra proprio essere andata giù.

La trama legata alla tematica dell'HIV/AIDS con Justin, un personaggio che poteva un arco narrativo legato al riscatto, sarebbe stata una grande opportunità per mostrare che nel XXI secolo questa malattia non è una condanna a morte. Ho tollerato vari elementi di trama non necessari nello show, ma questo mi fa davvero incazzare. Avete avuto una reale possibilità di far passare un messaggio per l'HIV/AIDS in una maniera reale, onesta e precisa, ma avete dovuto cercare a tutti i costi di scioccare gli spettatori.

Spoiler da Tredici, se a qualcuno importa: quindi non solo gli sceneggiatori hanno creato un'esca LGBT, ma hanno anche ucciso Justin di AIDS... nel mese per i diritti degli omosessuali... ehm?

Ci vogliono circa dieci anni per far sì che l'HIV passi all'AIDS, oltre al fatto che l'aspettativa di vita è in media da uno a due anni. Quindi, a meno che Justin non condividesse aghi o facesse sesso non protetto già all'età di sei anni, diciamo che questa trama è davvero ricca di stronzate.

Avete un personaggio che ha lottato contro la tossicodipendenza, affrontando anche il tema dei senzatetto, finalmente ottiene una famiglia amorevole sperando in futuro luminoso e voi... lo uccidete con l'AIDS? Ma siete seri?

La quarta stagione di Tredici, esattamente come le precedenti, è disponibile in esclusiva sulla piattaforma streaming Netflix.

Nel cast troviamo Dylan Minnette nei panni di Clay Jensen, Christina Navarro nel ruolo di Tony Padilla, Alisha Boe è Jessica Davis, Brandon Flynn nei panni di Justin Foley, Miles Heizer nel ruolo di Alex Standall, Ross Butler nei panni di Zach Dempsey, Devin Druid nel ruolo di Tyler Down, Gary Sinise è il dottor Robert Ellman e JanLuis Castellanos interpreta Diego Torres.

Advertisement

Via: NME

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

5 grandi titoli, diventati successi su Netflix, che sono pieni di difetti e momenti trash ma che si fanno guardare fino alla fine.
Autore: Simone Rausi ,
5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

I dialoghi sono banali, il ritmo è lento, i personaggi sono stereotipati, la fotografia è scadente. Potrei passare al setaccio ogni fotogramma delle serie che vi sto per elencare (e l'ho fatto, è il mio lavoro) ma alla fine di tutto, ciò che più conta è la storia. Cosa dobbiamo chiedere a una serie TV? Coinvolgimento, innanzitutto. Vogliamo che i personaggi ci portino dentro il loro mondo, vogliamo avere una storia da ritrovare la sera e a cui pensare durante il giorno. Queste cinque serie lo fanno. Tecnicamente sono piene di difetti, ma piacciono. Non a caso si tratta di titoli bandiera di Netflix, tutti successoni tanto amati al pubblico, ma meno dalla critica. Eccoli…

Dietro i suoi occhi

È una delle new entry del catalogo Netflix e in poche settimane ha scalato la top Ten. Dietro i suoi occhi è un dramedy. Anzi è un thriller. No, è un fantasy. A volte è persino un horror. Il fatto che non sia incasellabile non è necessariamente un difetto, anche se il pubblico vuole sapere cosa guarda e ogni serie stipula con lo spettatore un patto fin dalla prima puntata. In questo mischione di stili – che rompe il patto diverse volte a episodio – i personaggi fanno scelte stupide e si muovono su una narrazione discontinua (all’inizio lenta, poi frenetica). Ma che importa! Dietro i suoi occhi si “beve” in un paio di sere e fa una specie di incantesimo allo spettatore che avrà solo voglia di arrivare alla fine. Una sorprendente, inattesa, sensazionale, poco credibile, quasi ridicola ma emozionante fine.

Sto cercando altri articoli per te...