Tredici: il trailer della stagione 4 (e cosa ci anticipa)

Autore: Alice Grisa ,
Netflix
2' 26''

Dopo il trauma della morte di Hannah Baker e le indagini di Clay, la quarta stagione di Tredici porterà gli adolescenti al diploma e, forse, alla risoluzione di tutti i misteri, compreso quello della fine della terza stagione: l’assassinio di Bryce.

La nuova stagione sarà l’ultima: calerà poi il sipario sui protagonisti delle storie di violenze e bullismo che hanno portato al suicidio Hannah, oltre a provocare altre terribili conseguenze. 

Advertisement

Tredici arriverà il 5 giugno su Netflix e si prepara a chiudere tutte le storyline lasciate in sospeso.

Tredici Tredici Dopo il suicidio di una ragazza un suo compagno di classe riceve una serie di cassette che rilevano le ragioni della sua scelta. Apri scheda

La trama dei 10 episodi finali

Dal trailer possiamo dedurre una possibile trama della quarta stagione. Cruciale, per lo sviluppo della storia, sarà il personaggio di Monty, accusato dell’omicidio di Bryce Walker, che nel corso della seconda stagione era stato accusato di stupro da Jessica, la quale a propria volta aveva contribuito a restituire una giustizia ad Hannah e alla sua tragica fine.

Monty si è suicidato e non può discolparsi; intanto è emersa la sua omosessualità, perché il suo alibi era proprio Winston, il suo amante, con cui aveva trascorso la sera della morte di Bryce.

Monty si è impiccato nella sua cella e la quarta stagione getterà Clay in un vortice inquietante, tra dilemmi e interrogativi. Il protagonista, che è stato ossessionato per lungo tempo dal senso di colpa per la morte di Hannah, riprenderà ad avere le visioni e si chiederà come agire per riportare la situazione a un equilibrio.

Advertisement
Netflix
Una scena della serie Tredici
Tredici si avvia alla fine

Ora Clay si sente di nuovo in colpa, per Monty, che è stato incriminato ma era innocente.

Il trailer e le anticipazioni di Brian Yorkey

Il trailer della nuova stagione ci fa presagire che i protagonisti di Tredici non avranno un attimo di respiro fino alla quadratura finale del cerchio e all'atteso diploma.

Clay sprofonderà nel baratro e dovrà confrontarsi con se stesso, come era avvenuto nelle precedenti stagioni. Gli altri cercheranno di affrontare, insieme a lui, la prova di maturità più dura, che prescinde dai banchi di scuola.

Advertisement

Il creatore Brian Yorkey ha dichiarato a EW i motivi per cui la quarta stagione sancirà senza dubbio la fine di Tredici.

Sono sempre stato scettico verso gli show sugli studenti delle superiori che proseguissero oltre le quattro stagioni. D’altronde, il liceo dura proprio quattro anni. Per questo ho pensato che la conclusione logica fosse portare i personaggi fino al diploma.

Netflix
Monty in una scena di Tredici
Affiorerà anche il dramma di Monty

Aspettiamoci quindi un gran finale e (forse, si spera) la rappacificazione di Clay con se stesso e i propri fantasmi.

Che ne pensate? Siete curiosi di scoprire l’ultima stagione di questo seguitissimo teen drama?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

5 grandi titoli, diventati successi su Netflix, che sono pieni di difetti e momenti trash ma che si fanno guardare fino alla fine.
Autore: Simone Rausi ,
5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

I dialoghi sono banali, il ritmo è lento, i personaggi sono stereotipati, la fotografia è scadente. Potrei passare al setaccio ogni fotogramma delle serie che vi sto per elencare (e l'ho fatto, è il mio lavoro) ma alla fine di tutto, ciò che più conta è la storia. Cosa dobbiamo chiedere a una serie TV? Coinvolgimento, innanzitutto. Vogliamo che i personaggi ci portino dentro il loro mondo, vogliamo avere una storia da ritrovare la sera e a cui pensare durante il giorno. Queste cinque serie lo fanno. Tecnicamente sono piene di difetti, ma piacciono. Non a caso si tratta di titoli bandiera di Netflix, tutti successoni tanto amati al pubblico, ma meno dalla critica. Eccoli…

Dietro i suoi occhi

È una delle new entry del catalogo Netflix e in poche settimane ha scalato la top Ten. Dietro i suoi occhi è un dramedy. Anzi è un thriller. No, è un fantasy. A volte è persino un horror. Il fatto che non sia incasellabile non è necessariamente un difetto, anche se il pubblico vuole sapere cosa guarda e ogni serie stipula con lo spettatore un patto fin dalla prima puntata. In questo mischione di stili – che rompe il patto diverse volte a episodio – i personaggi fanno scelte stupide e si muovono su una narrazione discontinua (all’inizio lenta, poi frenetica). Ma che importa! Dietro i suoi occhi si “beve” in un paio di sere e fa una specie di incantesimo allo spettatore che avrà solo voglia di arrivare alla fine. Una sorprendente, inattesa, sensazionale, poco credibile, quasi ridicola ma emozionante fine.

Sto cercando altri articoli per te...