True Detective: (ri)scopriamo la prima stagione su SkyAtlantic Maratone

Autore: Chiara Poli ,
Copertina di True Detective: (ri)scopriamo la prima stagione su SkyAtlantic Maratone

Nic Pizzolatto aveva debuttato come sceneggiatore nel 2011 scrivendo due episodi di un grande detective drama: The Killing.

Tre ani dopo crea, firma e incanta tutti con #True Detective, serie antologica la cui prima stagione porta a casa 5 meritatissimi Emmy Awards e 4 nomination ai Golden Globes.

Advertisement

SkyAtlantic ripropone una maratona di True Detective per il ciclo Sky Atlantic Maratone (canale 111 di Sky).

L’appuntamento con la stagione 1 è per il 23 aprile a partire dalle 15.10.

True Detective True Detective Le storie di alcuni detective della polizia e della loro lotta per la cattura dei criminali attraverso metodi non convenzionali. Mentre lavorano ai casi più complicati, gli agenti cercano di ... Apri scheda

La trama della stagione 1

True Detective ripercorre con 8 straordinari episodi la storia di due detective, Rust Cohle (Matthew McConaughey) e Martin Hart (Woody Harrelson) che, nel 2012, ricordano il loro primo caso su uno spietato serial killer nel 1995.

Fra presente e passato, i due ex partner ripercorrono le tappe della loro vita privata e lavorativa, affrontando di nuovo l’orrore di un caso che li aveva segnati profondamente.

Diciassette anni dopo il primo omicidio in Lousiana, infatti, il caso viene riaperto. E i due detective che lavorarono al caso vengono chiamati a ricostruire le tappe delle indagini.

Cohle e Hart vengono interrogati separatamente dalla polizia sull'omicidio di Dora Lange, una donna il cui cadavere venne ritrovato sotto un albero isolato, indicando il compimento di un macabro rituale. 

Quasi vent'anni dopo, la polizia cerca di collegare il caso Lange all'uccisione di una ragazza il cui corpo è stato ritrovato in un lago, avvalendosi delle testimonianze dei due detective.

Advertisement

Fra luce e oscurità

Il caso di Dora Lange porta Cohle e Hart all'attenzione dei media, rendendoli famosi. Allo stesso tempo, però, li precipita in un mondo oscuro e spaventoso, un mondo che segnerà profondamente il destino di entrambi.

Advertisement

L'impatto delle indagini porta con sé inevitabili conseguenze anche sulla vita privata dei due che, mentre ricostruiscono dal 2012 i fatti del 1995, raccontano anche l'evoluzione delle loro vite, parallelamente a quella delle loro carriere.

L'omicidio di Dora fa emergere l'esistenza di una sorta di sottobosco malato e perverso, che ricorda molto quello della cittadina di Twin Peaks senza mai sconfinare nel soprannaturale: l'approccio è psicologico ed emozionale, ma l'orrore - lo si chiarisce a più riprese - è di natura esclusivamente umana.

Dentro gli uomini si nascondono dei mostri capaci di azioni terribili e, mentre portano avanti le indagini, i due protagonisti comprendono che prima di quel momento avevano solo intravisto un orrore pronto a travolgerli.

La forzata convivenza con le sconvolgenti scoperte che compiono ogni giorno porta Cohle e Hart a guardare il mondo con occhi diversi.

Advertisement

Le reazioni dei due colleghi sono diverse: uno precipita verso l'oscurità, l'altro cerca di restare a galla mantenendo lucidità...

Un viaggio ricco di significato

Cohle e Hart, magistralmente interpretati da due attori che mostrano lati inediti del proprio carattere in una prova di enorme talento, sono due facce della stessa medaglia.

Rappresentano il modo in cui gli uomini affrontano paura, orrore, dolore e frustrazione.

La responsabilità di dare la caccia a un assassino spietato come quello che inseguono, precipita i due detective in una sorta di dimensione amplificata: tutto, nelle loro vite, finisce per entrare a far parte di quel mondo spaventoso che hanno portato alla luce.

Le loro discussioni sul senso della vita, sul modo di affrontarla e sui legami che costruiscono lungo la strada sono senza dubbio il punto di forza di questa prima, magnifica stagione.

Il contrasto fra l'oscurità dell'animo umano e il sacrificio dei pochi disposti a mettersi in gioco per combatterla con la luce della verità resta il tema dominante dell'intera stagione, che ci regala continui colpi di scena, emozioni e soprattutto l'emozionante, imperfetta umanità dei due protagonisti.

La prima stagione di True Detective ha scritto una pagina memorabile nella storia della TV: non perdete l'occasione di (ri)vederla, su SkyAtlantic Maratone il 23 aprile.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

True Detective: chi è il Re Giallo?

Nella prima stagione di True Detective con Matthew McConaughey e Woody Harrelson ritorna più e più volte il nome del Re Giallo. Ma chi o cosa è con esattezza?
Autore: Alessio Zuccari ,
True Detective: chi è il Re Giallo?

True Detective debutta sul canale HBO il 12 gennaio 2014 e si impone da subito come una delle serie televisive più acclamate di sempre. Alla prima stagione ne seguiranno nel corso degli anni una seconda e una terza - scollegate narrativamente - che però non riusciranno mai a eguagliare il successo e l'apprezzamento della storia che vede per protagonisti due fenomenali Matthew McConaughey e Woody Harrelson.

Nic Pizzolatto, che la serie l'ha creata e interamente scritta, ambienta la crepuscolare indagine della prima stagione in una Louisiana decadente e torbida, mescolando all'interno del racconto una densa quantità di riferimenti di origine letteraria atti a circoscrivere gli efferati crimini in cui i due detective si imbattono all'interno di uno steccato che affonda nell'oscurità e nell'esoterismo. La ricerca dei colpevoli diviene ben presto la ricerca di una luce dentro se stessi quando si è costretti a fronteggiare le macerie di un'umanità inconfessabile, spietata.

Sto cercando altri articoli per te...