Le nuove tute NASA sono state progettate dal costumista dei film Marvel e DC

Autore: Alice Grisa ,
Copertina di Le nuove tute NASA sono state progettate dal costumista dei film Marvel e DC

Dalla fantasia alla realtà, dai viaggi stellari ai viaggi spaziali. Le tute indossate dagli astronauti della Crew Dragon sono state disegnate e pensate dal costumista di Hollywood Jose Fernandez.

Il costume designer, classe 1965, è in attività dal 1989 e ha disegnato gli indumenti di film spettacolari come Il pianeta delle scimmie, ma soprattutto pellicole Marvel, come Captain America: Civil War, Thor (ha progettato gli elmi e i copricapi di Thor e Loki), Spider-Man: Far from Home (la maschera del protagonista) e DC, come Batman v Superman: Dawn of Justice.

Advertisement

È stato il visionario Elon Musk a coinvolgere Fernandez, e la sua società Ironhead Studio, nella missione spaziale, nel 2016, quando gli ha chiesto di partecipare a un concorso di design.

Il costumista è specializzato in elmi, caschi e copricapi, cosa che ha affascinato molto Musk e l’ha portato a coinvolgere Fernandez in una vera missione spaziale.

Come ha riferito Forbes, Fernandez non sapeva cosa fosse SpaceX: pensava fosse un film!

Ci sono voluti due anni a progettare queste tute, e Fernandez ha lavorato in sinergia con Musk, imparando dalle tecniche perfezionate durante la realizzazione dei costumi.

Si tratta di tute super-pressurizzate, in argento scuro, sgargianti. Accuratissimi anche i guanti, gli stivali e il lavoro sul tessuto ignifugo.

Le tute spaziali di Fernandez sono meno ingombranti e più flessibili di quelle del passato, e grazie al tessuto intorno al collo e al casco offrono una maggior libertà di movimenti. Il plus di queste tute è proprio la soluzione al problema annoso degli astronauti: non poter muovere la testa. Ci ha pensato Fernandez, memore del costume di Batman in #Batman v Superman: Dawn of Justice, interpretato da Ben Affleck. Questo aumenta anche il campo della visuale e rende i movimenti più fluidi.

Advertisement

Advertisement

Ma Musk voleva di più: voleva che fossero affascinanti oltre che funzionali

Forbes riporta le sue emblematiche parole: le tute dovevano essere l’equivalente spaziale dello smoking. Dovevano essere il guscio di un eroe.

Chiunque ha un bell’aspetto in smoking, indipendentemente dalla taglia e dalla forma.

Fernandez ha dimostrato la sua maestria nel produrre indumenti ergonomici, adattando l’estro al materiale e ai movimenti. Il design delle tute spaziali affonda le proprie radici nell’ispirazione dell’attrezzatura subacquea del XIX secolo. Ma gli astronauti, per una sicurezza totale, hanno dovuto sacrificare molto in comodità e libertà di movimenti. Le tute di Fernandez, però, hanno passato tutti i test e gli astronauti si sono mostrati estremamente soddisfatti.

Warner Bros.
Una scena di Batman v Superman
Il casco di Batman è stata l'ispirazione

Tutto questo grazie a Elon Musk, pioniere visionario e imprenditore geniale della nostra contemporaneità, un professionista in grado di trovare collegamenti utili tra i film Marvel e DC e le grandi missioni spaziali. 

-

Advertisement

Credit immagini di copertina e thumbnail video: SpaceX NASA image use policy | Fonte | Licenza CC BY-NC-ND 2.0

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Batman: tutti i film della saga (e l’ordine in cui guardarli)

Un eroe interpretato nelle maniere più diverse, ora tormentato e sfuggente, ora psichedelico e vivace: è tempo di rivivere tutte le avventure cinematografiche del cavaliere oscuro.
Autore: Francesco Ursino ,
Batman: tutti i film della saga (e l’ordine in cui guardarli)

Batman, ovvero l’uomo pipistrello, il cavaliere oscuro, o più semplicemente Bruce Thomas Patrick Wayne. Un'icona del mondo dei fumetti da cui anche il cinema non riesce mai a stare troppo lontano: finito un uomo pipistrello, se ne fa un altro.

La sua leggeva comincia su un'uscita cartacea nel 1939: l'Uomo Pipistrello debutta sul numero 27 della rivista Detective Comics, dopo essere stato ideato dai suoi papà Bob Kane e Bill Finger. L'essere "il più grande detective al mondo" è quindi un tratto caratteristico e distintivo del personaggio sin dai suoi esordi, che solo nella sua incarnazione del 2022 si è diventato centrale anche al cinema.

Sto cercando altri articoli per te...