Un portavoce di Disney fa chiarezza sulla disponibilità dei contenuti scaricati su Disney+

Autore: Pasquale Oliva ,
Disney+
1' 34''

Manca ormai poco al debutto di Disney+, neonata piattaforma di streaming di The Walt Disney Company. I fan della Casa di Topolino sono in trepidante attesa e non potrebbe essere altrimenti, visto che nel catalogo del servizio saranno infatti presenti le produzioni Disney, Pixar, Marvel, National Geographic, LucasFilm (Star Wars) e 20th Century Fox. L'esordio è fissato per il 12 novembre in USA, ma qualche punto deve essere ancora chiarito.

In questo articolo abbiamo già affrontato l'interessante questione dei contenuti che Disney+ permetterà di scaricare su uno dei tanti dispositivi supportati, per consentirne poi la visione anche in mancanza di una connessione alla rete. Su tale utilissima funzione si è espresso anche il CEO di Disney Bob Iger, le cui parole sarebbero però state fraintese. Ma procediamo con ordine.

Advertisement

Se siete abbonati al servizio, potete scaricare i contenuti sul vostro dispositivo e lì resteranno finché continuerete a rinnovare l'abbonamento.

Quelle sopra riportate sono le parole pronunciate da Bob Iger all'ultimo New Establishment Summit di Vanity Fair, mal interpretate da molte persone, a quanto pare. Infatti, a differenza di quanto il commento sembri suggerire, i contenuti scaricati dall'utente ma rimossi dal catalogo di Disney+ saranno cancellati anche dall'elenco dei download, con o senza sottoscrizione al servizio. Ed è stata necessaria una puntualizzazione di un portavoce di The Walt Disney Company che, raggiunto da The Verge, ha voluto (dovuto?) fare chiarezza sull'argomento.

La possibilità di scaricare contenuti su un dispositivo (andando ad occuparne parte delle memoria) è un punto certamente a favore di Disney+, che scommettiamo darà del filo da torcere al leader del settore dello streaming, ovvero Netflix. Tuttavia, per una questione di diritti di trasmissione, non sarà possibile accedere tramite la sezione download a film, episodi di serie TV e documentari rimossi - temporaneameante o meno - dalla libreria.

Disney+ aprirà le porte agli utenti statunitensi il 12 novembre 2019. L'arrivo in Italia della piattaforma è previsto per la prima metà del 2020.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Nostalgia: perché il cinema italiano è Favino-dipendente?

Nostalgia di Martone è l'ennesimo film che si affida al talento di Pierfrancesco Favino: perché il cinema italiano non riesce a fare a meno di lui?
Autore: Elisa Giudici ,
Nostalgia: perché il cinema italiano è Favino-dipendente?

Già nel 2007 la serie Boris fotografava la dipendenza del cinema italiano da Pierfrancesco Favino. La "fuoriserie italiana" non a caso è un grande specchio del mondo culturale e cinematografico italiano: ha dimostrato in innumerevoli occasioni di prevedere il futuro con precisione stupefacente, rivelandosi sempre più amaramente attuale ogni anno che passa. 

Nella terza stagione di Boris, il personaggio del comico Martellone spiega di non essere riuscito a ottenere alcuna parte di rilievo in tempi recenti a causa di Pierfrancesco Favino, che fagociterebbe tutte le parti importanti e interessanti a disposizione. Quindici anni dopo questa scena di Boris è più attuale che mai. Basta pensare che due dei ruoli maschili più ficcanti e di pregio presenti nei film italiani inviati al Festival di Cannes nelle ultime edizioni - quello di Felice in Nostalgia di Mario Martone e quello di Tommaso Buscetta nel film di Marco Bellocchio Il traditore (2019) - sono interpretati proprio da Favino.

Sto cercando altri articoli per te...