Van Damme era strafatto di cocaina quando girò Street Fighter

Autore: Stefania Sperandio ,
Copertina di Van Damme era strafatto di cocaina quando girò Street Fighter

Che Jean-Claude Van Damme fosse un attore e un atleta dedito agli eccessi è ormai cosa nota: anni addietro è venuta a galla la sua dipendenza da cocaina, con anche successivi abbandoni ai programmi di recupero che dovevano disintossicarlo. A confermare al Guardian i problemi di dipendenza avuti dall'artista belga è Steven de Souza, regista e sceneggiatore del film Street Fighter, che ha ricordato come il set della pellicola, datata 1994, si sia rivelato un campo minato proprio a causa dell'attore.

Van Damme ingestibile per la cocaina

Secondo quanto raccontato da de Souza, Van Damme era così fuori controllo che nemmeno il fatto che fosse stata assunta una persona che doveva tenerlo a bada riuscì a risolvere i problemi. Il regista rivela:

Advertisement

All'epoca non potevo parlarne, ma ora sì: Jean-Claude era così pieno di cocaina da essere fuori controllo. Lo studio aveva anche assunto uno che doveva prendersi cura di lui, ma purtroppo questo tizio aveva una cattiva influenza su Jean-Claude.

Gli eccessi del protagonista, che interpretava il colonnello delle Nazioni Unite William F. Guile, hanno ovviamente creato più di un grattacapo alla tabella di marcia definita per le riprese:

Jean-Claude si dava malato così spesso che dovevo continuare a dare un'occhiata alla sceneggiatura per trovare qualcosa che potessimo girare senza di lui, non potevo semplicemente sedermi ad aspettarlo per ore.

La produzione, secondo de Souza, aveva anche cercato di assecondare Van Damme in alcune sue richieste e necessità, ma l'attore purtroppo ripagava con la sua instabilità e i suoi ritardi:

Due volte, i produttori gli consentirono di recarsi a Hong Kong e in entrambi i casi lui tornò in ritardo. E i lunedì semplicemente non si presentava.

Universal Pictures
Van Damme nei panni del colonnello Guile in Street Fighter
Van Damme affronta il Generale Bison, interpretato da Raul Julia, nel film Street Fighter

Sicuramente emerge l'idea di un ambiente di lavoro tutt'altro che desiderabile, che ha complicato non poco la realizzazione del film.

Advertisement

Dal videogioco al film

Uscito nelle sale nel 1994, Street Fighter debuttava nel periodo in cui si tentava di portare sul grande schermo i più grandi successi dei videogiochi. L'anno prima aveva fatto il suo esordio anche Super Mario Bros., che si era però rivelato un flop lontanissimo dai fasti della sua controparte videoludica.

Le cose andarono decisamente meglio per la pellicola dedicata alla serie picchiaduro di Capcom: Street Fighter incassò quasi 100 milioni di dollari al botteghino e, sebbene sia entrato nelle maggiori classifiche dei peggiori film ispirati ai videogiochi (come quella stilata dal TIME), ha ripagato pienamente i suoi costi di produzione, divenendo a suo modo un classico di questo genere di adattamenti.

Universal Pictures
Van Damme in Street Fighter
Il colonnello Guile, in Street Fighter, doveva risolvere una crisi che coinvolgeva degli ostaggi, tra i quali il suo amico Carlos Blanka

In tempi più recenti, stiamo assistendo sempre più spesso al passaggio dei videogiochi non solo al cinema, ma al mondo delle serie TV: sarà anche il caso di Street Fighter, la cui serie TV è già in produzione. E chissà che non possa rimanere nell'immaginario dei fan tanto quanto il film con protagonista di Van Damme – magari, speriamo per la produzione, per motivi diversi!

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

I migliori film, documentari e serie TV sul calcio

Ecco una lista di produzioni per il grande e il piccolo schermo che meglio ritraggono, seppur con toni e punti di vista differenti, il mondo del calcio.
Autore: Agnese Rodari ,
I migliori film, documentari e serie TV sul calcio

L'industria cinematografica ha sempre prestato particolare attenzione al calcio, lo sport in grado di coinvolgere milioni di persone anche con un singolo evento da 90 minuti. Passione, sacrificio, divertimento, rivalsa e sana competizione sono gli ingredienti perfetti per una buona performance calcistica.

In vista dei mondiali di calcio 2022 che si svolgeranno in Qatar, abbiamo preparato per voi una selezione di migliori prodotti, dai film alle serie TV, a tema calcistico. Ricordiamo che il campionato mondiale di calcio si svolgerà dal 20 novembre al 18 dicembre 2022. Se non sapete come poterli vedere, vi consigliamo di dare un'occhiata all'articolo su come vedere i mondiali di calcio 2022.

Sto cercando altri articoli per te...