Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità, il trailer del film con Willem Dafoe

Autore: Claudio Rugiero ,

Willem Dafoe interpreta il tormentato Vincent Van Gogh nel nuovo lavoro di Julian Schnabel (Miral e Lo scafandro e la farfalla) regalandoci una performance indimenticabile, per la quale ha conquistato a Venezia la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile. Il film è inoltre candidato ai Golden Globes 2019 nella categoria "miglior attore in un film drammatico".

Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (At Eternity's Gate) arriverà nelle sale italiane il 3 gennaio 2019, distribuito da Lucky Red.

Advertisement

Lucky Red

Primo piano di Willem Dafoe in una scena di Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità

Come possiamo vedere nel trailer ufficiale italiano (che troviamo all'inizio di questo articolo), il film mostrerà il lato più fragile del celebre pittore olandese. Il montaggio ci mostra infatti una serie di scene in cui lo vediamo attraversare solitario quei bellissimi paesaggi che saranno fonte di ispirazione per le sue opere. Ma Sulla soglia dell'eternità esplorerà anche i rapporti che l'artista intrattenne con le figure più decisive nel suo percorso autobiografico, incluso il fratello Theo (interpretato da Rupert Friend). 

Il contenuto che il regista ha voluto tasporre è indubbiamente di grande impatto e Dafoe lo ha ben riassunto in queste poche e semplici parole: "Questo è un film che parla tanto di pittura quanto di Van Gogh".

Sinossi

Julian Schnabel ci porta alla scoperta del genio maledetto di Vincent Van Gogh, raccontato dal punto di vista dello stesso artista, in un viaggio che diviene una vera e propria immersione nel personaggio interpretato da Dafoe. Il film esplora infatti il turbine di sentimenti che si cela nel profondo dell'artista e dietro la creazione dei suoi capolavori.

Advertisement

Il tormento dell'artista si intreccia naturalmente con il suo vissuto personale: dal burrascoso rapporto con il collega francese Paul Gauguin (Oscar Isaac) all'affetto viscerale per il fratello Theo, fino alla morte prematura a soli 37 anni e avvenuta in circostanze misteriose.

Tra conflitti esterni e solitudine, Sulla soglia dell'eternità mette in scena la creatività di Van Gogh, l’intensità febbrile della sua arte e la sua visione del mondo.

Lucky Red

Oscar Isaac e Willem Dafoe in una scena del film

Advertisement

Il cast del film comprende Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Emmanuelle Seigner, Mads Mikkelsen, Stella Schnabel, Anne Consigny, Amira Casar, Vincent Perez, Mathieu Amalric e Lolita Chammah.

Quello di Van Gogh è un ruolo nel 1956 già reso celebre sul grande schermo da un magistrale Kirk Douglas (Brama di vivere) e che ha presentato non poche difficoltà per Dafoe, a cominciare dalla differenza d'età con il suo personaggio. Ma per il regista l'attore si è rivelato un interprete all'altezza della situazione:

Quando è morto, Van Gogh aveva 37 anni. Willem ne ha 63, ma Van Gogh a 37 anni era un uomo già malridotto e devastato mentre Willem è in gran forma. È stato un ruolo molto faticoso da interpretare, eppure Willem è stato assolutamente capace di fare tutte le cose difficili e ardue che faceva Van Gogh, come arrampicarsi e inerpicarsi per arrivare a vedere il panorama dal punto che aveva scelto.

Che ne pensate? Avete già segnato la data sul calendario?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Pretty Woman, il finale originale e 5 curiosità sul film

Hai appena visto o rivisto Pretty Woman? Ecco 5 curiosità poco note riguardanti il film e il finale alternativo della pellicola.
Autore: Giacinta Carnevale ,
Pretty Woman, il finale originale e 5 curiosità sul film

Ogni volta che passa in televisione è difficile resistere al fascino di un grande classico del cinema romantico (e comico) come Pretty Woman. 

Sono passati più di 30 anni da quando l'intramontabile classico con protagonisti  Richard Gere e Julia Roberts è arrivato nelle sale cinematografiche. Correva l'anno 1990 quando il film cult diretto da Garry Marshall  conquistava il pubblico con una delle storie d'amore più belle e romantiche del cinema statunitense.

Sto cercando altri articoli per te...