Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows, la recensione del DVD

Autore: Stefania Venturetti ,
Copertina di Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows, la recensione del DVD

Il 22 febbraio 2018 è uscito in DVD e Blu-ray Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows, il mockumentary horror del 2015 che ci fa esplorare i meandri più cupi e divertenti di una Wellington invasa dalle forze sovrannaturali.

Il film è opera di Taika Waititi, recente regista di Thor: Ragnarok per i Marvel Studios, e del suo complice vampiresco Jemaine Clement. Sono loro a essersi divisi il triplo compito di regista, sceneggiatore e interprete di questo finto documentario, già diventato di culto tra gli appassionati. Ma, in proposito: di che genere di fan stiamo parlando, esattamente?

Advertisement

Vita da Vampiro è un film capace di ammaliare un pubblico piuttosto vasto: dagli amanti dell'horror a quelli delle commedie, passando anche per i cultori del genere splatter (aspettate solo di vedere cosa succede ai vampiri che mangiano patatine fritte per capire il perché!).

Il film prende spunto da una lunga serie di stereotipi e luoghi comuni sui vampiri, che prima mette in fila e poi ribalta completamente, condendo il tutto con un umorismo e un'ironia che ne rendono la visione quasi obbligatoria. Anzi, se volete un consiglio, togliamo il "quasi".

La trama di What We Do In The Shadows

Questo (falso) documentario si è posto una missione ben precisa: mostrare al pubblico che cosa significa essere un vampiro, oggi. Per farlo, una troupe munita di telecamere e crocifissi avvicina un piccolo gruppo di creature della notte e, una volta promessa l'immunità, comincia a documentare la loro vita quotidiana.

Viago (Taika Waititi), Deacon (Jonathan Brug) e Vladislav (Jemaine Clement) non sono nativi di Wellington, ma è qui che la loro lunga vita li ha portati: in una vecchia casa piuttosto in disordine della Nuova Zelanda, dove il trio di vampiri deve spartirsi i lavori domestici e prendersi cura dell'anziano Petyr (Ben Fransham), un tipico nosferatu di ottomila anni!

Il passato tormenta i nostri protagonisti: Vladislav è Dracula, una volta il terribile Vlad l'Impalatore ma ora incapace di usare al meglio le proprie abilità; Viago non ha superato la perdita del suo vero amore; e il "giovane" Deacon, che non lava mai i piatti, non è ancora uscito dalla sua fase ribelle.

L'ostacolo più grande, però, è rappresentato dal presente, con i nostri che faticano a integrarsi nell'era dei telefonini, dei computer, e delle mode che hanno dimenticato da un pezzo l'abbigliamento vittoriano. Nutrirsi di sangue umano (senza sporcare il divanetto, magari) è un'impresa, e trovare un buon servitore da ipnotizzare è quasi impossibile. E quando incontri qualche lupo mannaro per strada, i guai sono praticamente inevitabili...

Tra una serie di battute dall'umorismo intelligente e riferimenti alla mitologia dei vampiri, a rivelarsi davvero vincente in Vita da Vampiro è il tono con cui Waititi e Clement hanno deciso di raccontare la loro storia. Il duo di registi, aiutato dal suo cast, coinvolge e cattura il suo pubblico con la giusta ironia, in un trionfo di risate capace di risollevare anche la giornata più tragica.

Advertisement

L'edizione in Home Video Italiana

A distribuire Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows sul mercato italiano sono Midnight Factory e Koch Media. L'edizione Home Video, a lungo attesa dai fan, è disponibile DVD e Blu-ray in edizione limitata. Le due versioni si distinguono a colpo d'occhio per la fascetta rossa o blu sulla confezione.

Advertisement

Il cofanetto e il booklet di Vita da Vampiro

I cofanetti DVD e Blu-ray arrivano in un slipcase di cartone che riporta la locandina del film, con al centro il vampiro Viago. A decorare l'amaray troviamo due immagini diverse: su un lato ci sono protagonisti principali del film; sull'altro, un Vladislav a testa in già ci mostra i canini, circondato da recensioni di critici che definiscono il film "Esilarante!".

All'interno della custodia trasparente abbiamo il disco dei contenuti (questa volta sotto i riflettori ci finisce Petyr), un inserto di approfondimento, e un piccolo leaflet promozionale di Midnight Factory.

L'interessante booklet da collezione è a cura dello sceneggiatore Manlio Gomarasca e del critico cinematografico Davide Pulici della rivista Nocturno.

Advertisement

Il piccolo spillato, in formato 11,8 x 14,6 centimetri, è comprensivo di una breve analisi di dove Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows si colloca nel panorama dei mockumentary e del genere horror. Non mancano alcune piccole anticipazioni su due dei possibili sequel: il progetto We're Wolves, dedicato ai lupi mannari, e uno spin-off sui poliziotti che vediamo nel film. A febbraio 2018, è stata inoltre ordinata una serie TV dedicata a vampiri residenti negli Stati Uniti, anziché in Nuova Zelanda.

Caratteristiche del DVD: audio, video e sottotitoli

Avviato il DVD (singola faccia, doppio strato), che qui recensisco in particolare, il menu di navigazione ci propone tre diverse scelte, oltre a quella di vedere subito il film:

  • accedere alla selezione scene (i capitoli sono 12, inclusi i titoli di coda)
  • passare al setup di audio e sottotitoli
  • guardare i contenuti extra (il trailer del film, in lingua originale inglese)

La scelta delle tracce audio è tra Italiano Dolby Digital 5.1, Inglese Dolby Digital 5.1 e Italiano DTS 5.1.

Per quanto riguarda i sottotitoli, purtroppo sono presenti solo quelli in lingua italiana, non privi di qualche pecca. C'è più di qualche inciampo nella traduzione di alcuni passaggi: nulla che pregiudichi la comprensione o la visione del film,ma che si perde soprattutto quando entrano in gioco alcune espressioni idiomatiche.

Questo difetto è assente dal doppiaggio: le voci italiane di Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows sono a mio parere ben scelte, e gli attori  riescono nell'impresa non semplice di stare al passo con le battute di Waititi e compagni, adattando (ma non facendo perdere il senso) della commedia e rispettando i tempi comici originali.

Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows è uscito in Home Video anche in Italia
Vita da Vampiro è disponibile in DVD e Blu-ray in edizione limitata

Il formato video del disco DVD è 16/9; 1:77:1. L'immagine rende perfettamente il clima del mockumentary, con alcune inquadrature appositamente non a fuoco, una telecamera preda delle mosse inconsulte di operatori e attori, alcune sgranature evidenti (ma volute).

Il film si appoggia inoltre a materiali d'archivio chiesti in prestito a musei, biblioteche e società di conservazione documentaristica, come alcune (sempre immancabili) inquadrature di Hitler. Il tutto è stato ben amalgamato, temporizzato e condensato in fase di editing (i registi avevano raccolto oltre 150 ore di girato!). Grande merito va anche agli effetti speciali, che - come dovrebbe essere d'obbligo - ci sono ma "non si vedono", tanto sono ben inseriti e contestualizzati.

Sebbene con qualche pecca, l'edizione Home Video di Vita da Vampiro - What We Do In The Shadows è una proposta interessante per i cultori del genere horror e delle parodie intelligenti. A dispetto di quanto Deacon ci ordina alla fine del documentario, quello di Taika Waititi e Jemaine Clement è un film difficile a dimenticare. Ci fa ridere troppo (e troppo bene!) per non gustarselo a più riprese.

Commento

Nospoiler.it

75

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...