La vita di Shia LaBeouf diventa un film: l'attore interpreterà suo padre

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di La vita di Shia LaBeouf diventa un film: l'attore interpreterà suo padre

Shia LaBeouf si prepara a portare sul grande schermo un film sulla sua vita. Ma non interpreterà sé stesso. Come riporta Variety, l'attore si calerà nei (controversi) panni del proprio padre. Invece, la parte del giovane Shia sarà affidata alla talentuosa star emergente Lucas Hedges, candidato all'Oscar come Migliore attore non protagonista per Manchester by the Sea.

La notizia arriva a pochi giorni di distanza dall'intervista rilasciata dall'attore a Esquire, in cui per la prima volta ha parlato del suo ultimo, turbolento arresto. Nel corso della lunga chiacchierata, Shia ha raccontato del suo difficile percorso verso l'età adulta e del complesso e doloroso rapporto con il padre Jeffrey, rivelando di avere messo tutto nero su bianco in una sceneggiatura che ha completato mentre era in riabilitazione.

Advertisement

The Black List, un sito che tiene traccia degli script più promettenti non ancora in produzione, ha offerto una anticipazione della storia:

Un attore bambino e suo padre, un uomo che non rispetta la legge e dipendente dall'alcool, cercano di aggiustare il loro controverso rapporto nel corso di un decennio.

Sul copione era indicato un co-autore, Otis Lort, ma la star di Transformers ha rivelato che si tratta di uno pseudonimo. La forte componente biografica è confermata anche dal titolo (provvisorio) del film, Honey Boy, che è il nomignolo con cui il padre chiamava Shia quando era piccolo. D'altra parte, Variety puntualizza che la pellicola sarà "liberamente ispirata alla vita di LaBeouf".

Tra le altre informazioni rese note c'è il nome del regista, Alma Har'el, autrice dei documentari Bombay Beach (premiato al Tribeca Film Festival nel 2011 e nominato agli Spirit Award) e LoveTrue, oltre che dello spot Love Over Bias, che è stato trasmesso durante le recenti Olimpiadi Invernali e ha ricevuto una nomination ai Directors Guild of America Award, uno dei più prestigiosi premi per i registi.

Invece, a produrre la pellicola saranno Brian Kavanaugh-Jones di Automatik, Daniela Taplin Lundberg di Stay Gold Features e Christopher Leggett di Delirio Films. Endeavor Content raccoglierà i finanziamenti e rappresenterà i diritti a livello mondiale insieme a CAA.

Chi è Lucas Hedges, l'interprete del giovane Shia LaBeouf

Nel bene e nel male, Shia LaBeouf non ha bisogno di presentazioni. Ma chi è il giovane attore che lo interpreterà sul grande schermo?

Advertisement

Nato a New York il 12 dicembre 1996, Lucas Hedges è figlio d'arte. Suo padre Peter è un regista e sceneggiatore e come autore ha all'attivo diverse pellicole di rilievo, come Buon compleanno Mr. Grape e About a Boy, per la quale è stato nominato all'Oscar nel 2003 insieme a Chris e Paul Weitz.

Lucas ha esordito sul grande schermo nel 2007 proprio in un film scritto e diretto dal padre, L'amore secondo Dan. In seguito, ha lavorato con Wes Anderson in Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore (2012) e nelle pellicole Il Mondo di Arthur Newman (2012), Un giorno come tanti (2013) e The Zero Theorem - Tutto è vanità (2013).

Advertisement

Nel 2014, Lucas è tornato a collaborare con Anderson in Grand Budapest Hotel e dopo avere preso parte a La Regola del gioco, a fianco di Jeremy Renner, nel 2016 è apparso in Manchester by the Sea. Per la sua interpretazione di Patrick Chandler, è stato candidato all'Oscar come Migliore attore non protagonista.

Più di recente, Lucas è apparso in altri due film che hanno ottenuto enormi consensi da parte della critica, ovvero Lady Bird e Tre Manifesti a Ebbing, Missouri.

L'attore ha anche lavorato in TV, recitando nella miniserie del 2015 The Slap.

Le premesse per un film di grande potenziale ci sono tutte. Non resta che aspettare per scoprire se saranno mantenute.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Kevin Feige su Kang: "È un villain diverso da tutti"

Scopri le dichiarazioni illuminanti di Kevin Feige, presidente di Marvel Studios, sul ruolo di Kang il Conquistatore come villain del Multiverso!
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Kevin Feige su Kang: "È un villain diverso da tutti"

Alcune recenti dichiarazioni di Kevin Feige gettano una nuova luce su Kang il Conquistatore, ovvero il villain del nuovo film Marvel Cinematic Universe Ant-Man and the Wasp: Quantumania. La pellicola è diretta da Peyton Reed e uscirà nelle sale cinematografiche italiane il 15 febbraio 2023.

Kevin Feige ha parlato di Kang come di un tipo completamente nuovo di villain e un personaggio che combatte non solo i supereroi, ma anche le varianti di sé stesso! Ecco cosa ha dichiarato il presidente di Marvel Studios alla rivista Empire Magazine:

Sto cercando altri articoli per te...