La voce di Siri? Poteva essere quella di Jeff Goldblum!

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di La voce di Siri? Poteva essere quella di Jeff Goldblum!

Interprete di cult come Il Grande Freddo, Tutto in una Notte, La Mosca e più di recente dei franchise di Independence Day e Jurassic Park (dove riprenderà il ruolo di Ian Malcolm), Jeff Goldblum è un'icona indiscussa del cinema moderno. E in quanto tale, i fan si devono accontentare di ammirarlo da lontano.

Tuttavia, la storia avrebbe potuto essere molto diversa. Se l'attore fosse stato un po' più informato sull'attività di una certa azienda di computer con sede a Cupertino e sul suo carismatico fondatore, oggi sarebbe la voce di Siri e farebbe parte della quotidianità di milioni di persone nel mondo.

Advertisement

Purtroppo, il futuro David Levinson non aveva assolutamente idea di chi fosse quel tizio che voleva che lui "doppiasse" un nuovo sistema operativo.

Come riporta Nerdist, nel corso di un'intervista a Today Show in Australia, Jeff ha dichiarato:

Alcuni decenni fa, Steve Jobs mi ha chiamato per essere la voce di Apple. Era proprio all'inizio e io non sapevo chi fosse.

Un delusione enorme per i fan, solo parzialmente mitigata dal fatto che in seguito l'attore ha prestato non solo la voce, ma anche la faccia e il corpo a diversi spot di Apple.

Chi è la voce di Siri?

Se Jeff Goldblum è la voce mancata di Siri, chi è che fa parlare la celebre assistente virtuale?

Il no dell'attore ha aperto la strada a Susan Bennett, doppiatrice di professione americana, la cui avventura nel mondo Apple è iniziata nel 2005.

Advertisement

Nel giugno di quell'anno, la società di software ScanSoft era alla ricerca di qualcuno che prestasse la voce a una nuovo sistema operativo "parlante" e si è rivolta alla GM Voices. Quest'ultima ha selezionato una persona, che però non era disponibile, e così il lavoro è andato a Susan, che si è trovata nel posto giusto al momento giusto.

Come da lei stesso raccontato in una lunga intervista alla CNN, dopo avere ottenuto l'ingaggio, per l'intero mese di luglio la sua occupazione è stata leggere frasi e frasi per 4 ore al giorno, tutti i giorni.

Advertisement

Ma l'aspetto più incredibile della vicenda è che Susan non sapeva per che cosa sarebbero stati utilizzati tutti quei file vocali.

La donna ha scoperto di essere Siri nel 2011, quando un collega le ha scritto una mail dicendo di essere certo che l'assistente virtuale del nuovo smartphone Apple avesse la sua voce.

GIPHY

Jeff Goldblum è Ian Malcolm
Jeff Goldblum e la memorabile battuta di Ian Malcolm:

Apple non ha mai confermato la notizia, ma gli esperti di CNN sono certi che la voce di Siri sia quella di Susan.

Da parte sua, la donna ha reagito alla scoperta con stupore e un po' di paura, ma poi ci ha fatto l'abitudine.

E per quanto riguarda Jeff Goldblum... chissà, magari avrà un'altra occasione. Del resto, "la vita vince sempre".

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

In Doctor Strange 2 c'è un easter egg segreto, impossibile da notare al cinema

Scopri quale easter egg era impossibile notare al cinema alla prima visione di Doctor Strange nel multiverso della follia.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
In Doctor Strange 2 c'è un easter egg segreto, impossibile da notare al cinema

Doctor Strange nel Multiverso della Follia è sbarcato su Disney+, anche in versione IMAX Enhanced. Il film di Sam Raimi è ambientato in giro per il Multiverso ed è pieno di sorprese e certamente vale la pena rivederlo per cogliere tutti gli easter egg nascosti nelle varie scene.

Attenzione segue spoiler su Doctor Strange 2!

Sto cercando altri articoli per te...