Watchmen: il messaggio ai soldati americani del secondo episodio è reale?

Autore: Marcello Paolillo ,
Copertina di Watchmen: il messaggio ai soldati americani del secondo episodio è reale?

Watchmen, la serie di Damon Lindelof basata sull'opera a fumetti di Alan Moore e Dave Gibbons, ha debuttato lo scorso 20 ottobre negli USA sul canale HBO e su Sky Atlantic in Italia.

Dopo un episodio pilota che ha introdotto i primi dettagli di questo sequel della miniserie a fumetti, il secondo capitolo ha invece cercato di fare luce su altrettanti passaggi oscuri, specie per coloro che non hanno letto il graphic novel originale.

Advertisement

Oltre ad aver svelato il perché le forze di polizia della cittadina di Tulsa indossano una maschera per coprire il loro volto, l'episodio "Martial Feats of Comanche Horsemanship" prende il via con una sequenza molto particolare e ricca di significato (via Men's Health).

Advertisement

È la prima guerra mondiale, con molta probabilità l'autunno del 1917. Vediamo alcune donne battere nervosamente a macchina, fino a che un ufficiale tedesco domanda loro chi è in grado di scrivere in lingua inglese. Una ragazza alza timidamente la mano, prima di essere accompagnata nell'ufficio del militare. Una volta lì, la giovane è chiamata a trascrivere un messaggio davvero molto importante. 

Il testo, intitolato To the colored soldiers of the U.S. Army, è rivolto ai quasi 370mila soldati afroamericani impiegati dagli Stati Uniti a partire dal 1917. Questi avevano tutti il ruolo ufficiale di addetti alle cucine (visto e considerato che l’esercito impediva ai neri qualsiasi altro tipo di impiego).

National Archive
Messaggio tedesco ai soldati neri USA della prima guerra mondiale

I contenuti del messaggio sono assolutamente reali: la storia racconta che i tedeschi abbiano davvero lasciato cadere diverse copie della lettera sopra le truppe americane, esortando i soldati di colore a disertare. In Watchmen, uno di questi volantini è conservato dal personaggio di Will (interpretato da Louis Gossett Jr.), dopo che qualcuno glielo ha messo in tasca durante la fuga dai disordini di Tulsa del 1921. Sul retro del foglio, è scritta la frase "prendetevi cura di questo bambino".

Voi avete colto questo dettaglio guardando il secondo episodio di Watchmen?

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Schitt's Creek, Watchmen e Succession s'impongono agli Emmy 2020: tutti i vincitori

Secondo i verdetti degli Emmy Awards 2020, le migliori serie TV dell'ultima annata sono Schitt's Creek, Watchmen e Succession. Anche Zendaya trionfa per il suo acclamato ruolo in Euphoria. Tutti i vincitori.
Autore: Elisa Giudici ,
Schitt's Creek, Watchmen e Succession s'impongono agli Emmy 2020: tutti i vincitori

L'avevamo anticipato sin dalle nomination: in un anno tanto difficile anche per le produzioni seriali e il mondo della TV, orfano di hit assolute come Il trono di spade, c'era ampio spazio per qualche sorpresa e nuova rivelazione alla 72esima edizione degli Emmy Awards. Le sorprese infatti non sono mancate e nemmeno le acclamazioni, in un edizione in cui il presentatore Jimmy Kimmel si è dovuto parecchio dare da fare per far funzionare le premiazioni in differita, con i nominati collegati in diretta streaming e "chiusi" nelle proprie case in compagnia dei loro familiari e del loro entourage, per poter festeggiare in sicurezza la vittoria. 

A imporsi sono stati soprattutto tre titoli: Schitt's Creek, Watchmen e Succession. La sorpresa assoluta è venuta dalla regina delle comedy del 2020: poco chiacchierata e non così favorita alla vigilia, Schitt's Creek ha saputo imporsi in maniera impressionante sulla concorrenza, stabilendo un record mai visto. Mai nessuna serie prima d'ora - né comedy né drammatica - era riuscita a conquistare tutte e quattro le statuette attoriali (protagonista e non protagonista, maschile e femminile).

Sto cercando altri articoli per te...