Watchmen, una featurette spiega la nuova storia che vedremo in TV

Autore: Giuseppe Benincasa ,

L'emittente televisiva americana HBO ha pubblicato una featurette di oltre due minuti per Watchmen, la nuova serie TV di Damon Lindelof che mira a espandere la storia della graphic novel omonima di Alan Moore. 

Il filmato, posto in apertura di questo articolo, mostra alcune scene della serie miste a delle interviste realizzate con Lindelof e alcuni protagonisti della storia, che puntano a presentare i concetti fondamentali dello show.

Advertisement

La società e i supereroi

Il creatore e produttore esecutivo Damon Lindelof spiega che Watchmen metterà in luce i sentimenti che la società prova nei confronti dei supereroi. Questo concetto, già molto potente nell'opera visionaria di Moore, è in forte considerazione nei progetti cinematografici e televisivi di oggi.

La società intesa come coloro che la abitano è sempre stata vista come "danno collaterale" nelle storie di supereroi, ma adesso sembra essere diventata un argomento interessante per il pubblico moderno. È un aspetto che può generare discussioni e che fa sentire lo spettatore parte in causa della storia. La serie TV targata Amazon Prime Video The Boys ne è un ottimo esempio, così come gli incipit che portano a scontrarsi Capitan America e Iron Man in Captain America: Civil War e Batman e Superman in Batman v Superman: Dawn of Justice.

HBO
Uno dei poliziotti della serie TV Watchmen, che indossa una maschera gialla
La polizia di Watchmen, con il volto coperto

In Watchmen sarà interessante scoprire il rapporto tra società e supereroi e, a giudicare da queste immagini e dal precedente trailer, sembra proprio che la situazione non sarà pacifica. Una delle frasi fondamentali dell'universo di Watchmen è quella che recita "Chi controlla i controllori?", segno di una completa sfiducia nel supereroe, che come nelle fiabe più oscure si trasforma in vigilante e poi in villain. 

Tutti in maschera: nuovi villain, nuove paure

Tra gli attori che danno il loro contributo alla featurette c'è anche Regina King. Questa spiega che i poliziotti della distopica società di Watchmen indossano la maschera gialla per proteggere sé stessi e i loro cari, dopo un grosso attacco subito in 40 abitazioni di membri della polizia.

Advertisement

L'attentato è da imputare a una nuova organizzazione terroristica chiamata The Seventh Cavalry. Anch'essi, come potete vedere nell'immagine qui sotto, indossano una maschera, che è quella che ricorda il personaggio di Rorschach, simbolo di sopravvivenza e opposizione.

HBO
I membri di una organizzazione terrorista della serie TV Watchmen, che indossano una maschera dai colori bianca e nera
The Seventh Cavalry

Anche Regina King indossa una maschera nella serie. Da quello che si può comprendere dalla featurette, il suo personaggio, Angela Bar, è vedova di un poliziotto ucciso dalla nuova organizzazione terroristica. La voglia di vendetta di Angela la porta a indossare una maschera e diventare una vigilante, e probabilmente anche a collaborare con la polizia.

Advertisement

Sarà quindi difficile se non impossibile riconoscere i buoni dai cattivi: tutti indossano una maschera. Ciò, come sostiene la regista e produttrice esecutiva Nicole Kassell, avviene a più livelli, dato che la serie esplorerà la complessità della doppia personalità: "Chi sei quando indossi una maschera, chi sei quando non indossi una maschera?"

HBO
Il volto di Jeremy Irons che nella serie di Watchmen interpreta Ozymandias
Jeremy Irons nei panni di Ozymandias

La featurette propone anche diverse immagini di Jeremy Irons nei panni di Ozymandias (presente anche nel fumetto) e la promessa di Damon Lindelof che la serie TV onorerà la graphic novel. Inoltre, per chi se lo stesse chiedendo, il creatore dello show afferma che gli episodi di Watchmen potranno essere visti anche da chi non ha letto il fumetto di Alan Moore.

Watchmen andrà in onda sull'emittente televisiva HBO dal 20 ottobre.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Will Smith parla degli Oscar e del suo ritorno in Emancipation

Cosa ha dichiarato Will Smith nella sua prima apparizione dopo lo scandalo avvenuto nella notte degli Oscar 2022 con lo schiaffo a Chris Rock.
Autore: Rebecca Megna ,
Will Smith parla degli Oscar e del suo ritorno in Emancipation

Will Smith è pronto a tornare al cinema con il nuovo film Emancipation - Oltre la libertà, ma una parte del pubblico sembra non essere ancora pronto a vederlo di nuovo sulla scena. L'attore in una nuova intervista con il giornalista Kevin McCartthy pubblicata su Instagram ha parlato del film e per la prima volta anche del clamoroso scandalo degli Oscar, durante il quale Will Smith ha schiaffeggiato Chris Rock.

Capisco perfettamente: se qualcuno non è pronto, lo rispetterei assolutamente e gli concederei lo spazio per non esserlo. La mia più grande preoccupazione è per la mia squadra di lavoro. Spero che la forza del film, l’attualità della storia possano aprire il cuore delle persone e permettere loto di riconoscere l’incredibile talento artistico che c’è dietro.

Sto cercando altri articoli per te...