Willow Smith è la nuova testimonial di Chanel

Autore: Maria Teresa Moschillo ,

Chanel ha una nuova musa. Subito dopo la sfilata di presentazione della collezione Autunno/Inverno 2016-2017, la maison ha annunciato con un comunicato stampa di aver scelto Willow Smith come sua nuova brand ambassador.

Instagram
Primo piano di Willow Smith alla sfilata di Chanel

La 15enne, figlia di Will Smith e Jada Pinkett Smith, è stata voluta fortemente da Karl Lagerfeld come nuovo volto di Chanel e ha presenziato alla sfilata dell'iconico brand con un look esplosivo che non l'ha di certo fatta passare inosservata. Con indosso una tutina aderentissima grigia (ovviamente Chanel) e con eye-liner blu elettrico, la giovanissima Willow ha letteralmente incantato il front row.

Non si sono fatti attendere i ringraziamenti della Smith a Chanel sul suo profilo Instagram, con la condivisione di uno scatto in compagnia di Lagerfeld.

Advertisement

Instagram
Willow Smith con lo stilista Karl Lagerfeld

Grazie a Karl Lagerfeld e all’intero team Chanel per aver allargato la percezione della bellezza scegliendomi come nuova ambasciatrice Chanel. Sono davvero onorata.

Willow, cantante ed it-girl a tutti gli effetti, raccoglie l'eredità di Lily-Rose Depp (Lagerfeld sembra avere una predilezione per le figlie d'arte!), Kristen Stewart e Keira Knightley.

Sarà all'altezza della situazione? Stile, di certo, ne ha da vendere.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

One Piece Film: Red, recensione: più musical che azione

Se non amate la musica Red per voi potrebbe rivelarsi una grossa delusione: il cuore pulsante dell’ultima pellicola della serie infatti è la musica.
Autore: Elisa Giudici ,
One Piece Film: Red, recensione: più musical che azione

One Piece Film: Red è un film che se ne frega della sua stessa spendibilità a livello internazionale ed è anche giusto così, considerando quanto il botteghino giapponese è sostenuto dalle pellicole nipponiche. A differenza dei film animati statunitensi infatti, attentamente calibrati per arrivare e parlare agli spettatori di tutti i continenti (quale che sia la loro cultura e la loro lingua), il lungometraggio diretto da Gorō Taniguchi è stato ideato avendo ben in mente solo il pubblico giapponese, con i suoi gusti e le sue passioni.

In una nazione in cui andare con gli amici al karaoke è un’esperienza tanto comune e trasversale quanto mangiare al ristorante o prendere un caffè in caffetteria, non stupisce dunque che si sia pensato di trasformare il tradizionale lungometraggio cinematografico dedicato al manga di Eiichiro Oda in una sorta di sing along, quasi un musical.

Sto cercando altri articoli per te...