Wonder Woman 1984: il ritorno di Steve Trevor, spiegato

Autore: Martina Barone ,
Copertina di Wonder Woman 1984: il ritorno di Steve Trevor, spiegato

Molti hanno sofferto nel 2017 quando l’amazzone Diana Prince ha dovuto dire addio al suo pilota Steve Trevor. Il protagonista maschile di #Wonder Woman diretto da Patty Jenkins e interpretato da Chris Pine sacrifica se stesso e il suo amore per l’eroina nel finale del primo film. Questo pone quindi un punto nella relazione con il personaggio dell’attrice Gal Gadot, che continuerà ad amare per sempre l'uomo.

Fin dalle prime immagini promozionali di #Wonder Woman 1984, però, la figura di Steve Trevor ha fatto capolino, catapultata in quegli anni Ottanta che fanno da tappeto temporale del film del 2020, facendo accendere da subito la curiosità e scaturendo ipotetiche teorie sul suo ritorno.

Advertisement
Advertisement

Da qui, seguiranno spoiler. 

Wonder Woman 1984 Wonder Woman 1984 Diana Prince, alias Wonder Woman, vive tra noi ancora negli anni 80, salva persone in pericolo e sventa crimini cercando di restare il più possibile in incognito. Lavora nel campo ... Apri scheda

Guardando Wonder Woman 1984 è possibile dire che il ritorno di Steve Trevor rappresenta un vero e proprio miracolo. Anzi, ancor meglio, un desiderio esaudito. Al centro del film, anche questa volta con Patty Jenkins alla regia, vediamo l’arrivo nel museo in cui lavora Diana Prince di un oggetto chiamato la Pietra dei Sogni. Inizialmente il cimelio viene catalogato come probabile falso o, semplicemente, privo di valore. Incisa sull’oggetto c’è una scritta in latino che dichiara di esaudire i desideri di chiunque lo possegga.

La Pietra dei Sogni arriva a Diana, la quale ne discute assieme alla collega Barbara. Nel momento in cui Diana tiene in mano l’oggetto chiude gli occhi e il film lascia intuire che, pensando a cosa può volere nella vita, Wonder Woman sta pensando proprio al suo amato Steve Trevor. Nella pellicola vediamo che nell’istante in cui desiderio viene espresso si alza una leggera brezza tutta attorno a Diana, come avviene ogni volta che qualcuno fa una richiesta alla Pietra dei Sogni. La sequenza finisce dunque nel museo, dove non c'è però ancora traccia di Steve.

Spoiler alert! Click to reveal
Warner Bros.
Steve Trevor e il suo ritorno in WW84
La Pietra dei Sogni di Wonder Woman 1984
L’uomo farà la sua comparsa la sera stessa, ma ciò che sorprende entrambi è che ad essere tornato in vita è solamente lo spirito di Steve, non il suo corpo. Il film fa infatti capire, utilizzando inizialmente un altro attore, che l’anima di Steve è andata occupando la figura di un altro uomo, dentro a cui il pilota si è svegliato improvvisamente. Per farsi riconoscere da Diana il personaggio di Steve pronuncia le ultime parole che i due si sono scambiati prima che l’uomo perdesse la vita, frasi che riecheggiano così durante la serata di gala in cui i due si incontrano di nuovo e possono finalmente riabbracciarsi. Steve, all’interno di un altro corpo, dice a Diana di essersi svegliato in una casa sconosciuta - che vediamo durante il film - e che ha cercato con l’elenco telefonico il numero della donna. Dopo averla trovata l’ha seguita fino a che non ha trovato il coraggio di parlarle, così da potersi riconciliare con lei. Inizialmente sia Diana che il pubblico vedono il personaggio di Steve con le fattezze di questo uomo sconosciuto, interpretato da Kristoffer Polaha, ma appena la donna capisce di star parlando con il suo amato perduto improvvisamente ecco comparire Chris Pine. Nel film la presenza dell’attore viene quindi giustificata con le parole di Wonder Woman, che dichiara di vedere Steve Trevor così come lei lo ha conosciuto.Il desiderio di Diana, dunque, pur non essendo stato espresso ad alta voce, è stato portato a compimento. Passati alcuni momenti felici insieme, ad aspettare i due è però una dolorosa verità. A chiunque, infatti, esprima un desiderio tramite la Pietra, verrà in cambio tolto qualcosa. Conseguenza di cui sia Diana che Steve entrano presto a conoscenza, tirando in ballo La zampa della scimmia. Per “La zampa della scimmia” si intende il breve racconto horror dello scrittore William Wymark Jacobs, il quale cerca di insegnare che non c’è possibilità di poter cambiare il proprio destino senza subire delle ripercussioni. 
Warner Bros.
Wonder Woman 1984 e il ritorno di Steve Trevor
Diana Prince e Steve Trevor si rincontrano in Wonder Woman 1984
Diana, infatti, dopo aver avuto indietro Steve Trevor, comincerà a perdere i propri poteri, diventando sempre più debole e non riuscendo a sconfiggere i villain di Wonder Woman 1984: l’uomo d’affari Maxwell Lord (Pedro Pascal) e la sua iniziale amica Barbara (Kristen Wiig), la quale diventa la cattiva Cheetah. Anche i due hanno espresso i loro desideri. L’uomo di diventare lui stesso la Pietra dei Sogni, così da riuscire a conquistare un potere illimitato (come contro, vedrà la sua salute peggiorare). La donna, invece, desidera di diventare come Diana (che ha sempre ammirato), non sapendo che questo la porterà ad acquisire dei poteri inaspettati, che le faranno perdere la propria innocenza.Quando le cose iniziano a mettersi rovinosamente male per le sorti del mondo intero, visto che l’oggetto magico sembrerebbe aver causato la caduta di diverse civiltà nel corso della storia, Diana è portata a prendere una decisione da vera eroina. La donna, la quale non ha mai chiesto nulla dalla vita e ha anzi sempre aiutato gli altri, non vuole rinunciare al suo Steve finalmente ritrovato. Quello che però capisce è che, senza i suoi poteri, non potrà mai fermare i villain, il che la costringe a dover dire addio all’amore della sua vita, di nuovo. Ancora una volta, per la coppia di Diana Prince e Steve Trevor, si parla di sacrificio. La supereroina, come mostra il prologo del film, è stata educata nel rispetto per la verità e nel non cercare di trovare scappatoie nella vita. Il perseguimento della rettitudine, fondamentale per Wonder Woman, si presenta quindi anche sul finale del secondo film sull’eroina DC, che capisce di dover perdere per la seconda volta Steve. Dopo l’ultimo bacio e aver rinnovato l’amore che provano l’uno per l’altra, con l’invito da parte di Steve per Diana di poter trovare un giorno un nuovo amore, Wonder Woman si allontana cominciando a correre, aumentando sempre di più la velocità e mostrando, così, di aver riacquistato i suoi poteri. 
Warner Bros.
Steve Trevor e il ritorno in Wonder Woman 1984 spiegato
Diana incontra l'uomo che aveva riportato Steve Trevor in vita
In chiusura di Wonder Woman 1984, quando tutto è tornato alla normalità, Diana Prince incontra in un giorno di neve l’uomo dentro il cui corpo Steve si era risvegliato, che non ha minimamente idea di chi sia la donna. I due hanno una breve conversazione - con un rimando all’abbigliamento dell’uomo, inside joke del film, che ha fatto provare a Steve diversi abiti diversi - prima di salutarsi definitivamente.   

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Da Ripley a Sarah Connor: 10 eroine che hanno lasciato il segno nel cinema d'azione

Le protagoniste del cinema d'azione che hanno dato uno scossone al genere sul grande schermo, da Sarah Connor a Beatrix Kiddo, passando per Imperatrice Furiosa e Nikita.
Autore: Marcello Paolillo ,
Da Ripley a Sarah Connor: 10 eroine che hanno lasciato il segno nel cinema d'azione

Il mondo del cinema d'azione è davvero ricco di eroi tutti d'un pezzo che, specie a cavallo tra gli anni '80 e i '90, hanno letteralmente invaso le sale cinematografiche di tutto il mondo. Da Arnold Schwarzenegger a Sylverster Stallone, passando per Jean-Claude Van Damme e Steven Seagal, sono davvero tantissimi gli attori di un certo livello che hanno dato uno scossone al genere degli action movie, sopravvissuto anche nel nuovo millennio con star del calibro di Vin Diesel e Jason Statham.

Ciò non toglie che anche il cosiddetto "gentil sesso" è stato graziato negli anni da un numero realmente sorprendente di icone tutte al femminile, in grado di sdoganare ampiamente la figura della donna fragile e indifesa, spesso alla mercé del cattivo di turno. Ecco quindi una lista delle eroine che hanno davvero lasciato il segno nell'industria cinematografica internazionale, influenzando negli anni a venire il genere delle pellicole d'azione.

Sto cercando altri articoli per te...