World of Warcraft ora include un tributo allo scomparso Stan Lee

Autore: Stefania Sperandio ,

La notizia della scomparsa di Stan Lee, lo scorso novembre, ha lasciato addolorate milioni di persone, che hanno espresso il loro cordoglio per la dipartita del leggendario papà di Spider-Man e di decine di altri personaggi Marvel rimasti nell'immaginario di tutti. Tra queste troviamo anche la software house Blizzard, autrice di alcuni videogiochi estremamente popolari – tra cui Overwatch, Diablo e World of Warcraft – che ha deciso di regalare ai suoi fan un tributo a Lee.

Il teatro di questo piccolo tributo è proprio il successo World of Warcraft: con il recente aggiornamento 8.1.5, per ora ancora in fase di test, alcuni giocatori hanno infatti notato che presso la fortezza di Stormwind Keep è ora possibile imbattersi in un soldato dalle fattezze inconfondibili.

Advertisement

Activision Blizzard
Stan Lee in un cammeo in World of Warcraft
Il personaggio dedicato a Stan Lee scoperto in World of Warcraft

Con i suoi folti baffi e capelli bianchi, con tanto di immancabili occhiali, il prode Stanley vaga per la fortezza e, di tanto in tanto, saluta i giocatori che lo incrociano esclamando "Excelsior!". Difficile poter immaginare che questa non sia una piccola chicca che Blizzard ha voluto dedicare, seppure senza fare troppa pubblicità alla cosa, proprio a Stan Lee – il cui nome per esteso è proprio Stanley.

Advertisement

Si tratterebbe, comunque, solo dell'ultimo cammeo videoludico del celebre autore, che di recente aveva fatto l'immancabile comparsa anche in Marvel's Spider-Man, su PS4.

Sony
Stan Lee nel gioco per PlayStation 4 Marvel's Spider-Man
Stan Lee in Marvel's Spider-Man, videogioco su PS4

La software house Blizzard non ha voluto, almeno per il momento, commentare la scoperta dei fan. Nel frattempo, i dataminer hanno preso in analisi il codice di gioco dopo l'ultimo aggiornamento e hanno scoperto che altri modelli del personaggio di Stan Lee, abbigliati con armature differenti, si nascondono nel mondo di World of Warcraft, anche se non è stato ancora scoperto dove. Starà ai giocatori vagare per scoprirli tutti!

Disponibile su PC dal 2004, World of Warcraft conta su oltre 100 milioni di account creati, con ancora oltre 5,5 milioni di utenti paganti attivi. Dalla sua uscita, il prodotto di Blizzard ha incassato oltre 9 miliardi di dollari, divenendo uno dei titoli dal maggior successo commerciale nella storia dei videogiochi.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Il film nascosto di Tim Burton che forse non conosci [GUARDA]

Scopri qual è il film nascosto di Tim Burton di cui si parla poco ma che è stato molto importante per rendere il famoso autore quello che conosciamo ora.
Autore: Agnese Rodari ,
Il film nascosto di Tim Burton che forse non conosci [GUARDA]

Tim Burton è un regista, produttore e sceneggiatore che riesce a stregare il pubblico grazie a uno stile inconfondibile, che unisce fantasy e grottesco con un carattere sempre originale. Molti conoscono Burton grazie al cupo film Edward mani di forbice (di cui potete leggere il nostro articolo temi e significato di Edward mani di forbice) o al più recente La fabbrica di cioccolato, entrambi con la partecipazione dell’attore Johnny Depp.

Non tutti però sanno dell’esistenza di un mediometraggio di Burton molto particolare, che è stato trasmesso una sola volta per l'occasione di Halloween su Disney Channel americano, il 31 ottobre 1983, per poi sparire nel nulla. Il film in questione si intitola Hansel and Gretel, tratto dall’omonimo racconto dei celebri fratelli Grimm ma che presenta una rivisitazione in stile giapponese, dato il fascino che il Paese del Sol Levante esercitava su Burton all’epoca. Proprio dal Giappone Burton riprese la tecnica della stop motion (già usata per molti film su Godzilla). Questa consiste nell'usare oggetti inanimati che vengono mossi e fotografati ad ogni loro piccolo cambio di posizione, di modo che una volta unite le fotografie in sequenza, nel risultato finale sembrino muoversi in maniera autonoma.

Sto cercando altri articoli per te...