Altered Carbon, curiosità e segreti sul mondo di Harlan

Netflix Mondo e ispirazione dei luoghi dietro Altered Carbon 2

La seconda stagione della serie TV approfondisce l'universo delle custodie nato tra le pagine di Richard K. Morgan, scoprite tutti i segreti che si celano dentro al mondo di Harlan.

Se avete visto la seconda stagione di Altered Carbon vi sarete accorti che il mondo cyberpunk fatto di custodie e pile corticali è stato approfondito e reso più interessante rispetto alla prima stagione della serie. Le vicende infatti si spostano da Bay City, sulla terra, a Harlan World, un piccolo pianeta da cui viene estratto il metallo per creare le pile corticali.

INDICE

Il Mondo di Harlan e i suoi segreti

Iniziamo subito a scoprire quindi il pianeta su cui è ambientata la seconda stagione della serie, l'unico abitabile in un sistema stellare che si trova a ottanta anni luce di distanza dalla Terra e che nella sua orbita ha ben 3 lune.

Il nome del pianeta, anche se nella serie corrisponde al nome di Konrad Harlan fondatore della prima colonia umana e delle piattaforme orbitali chiamate Angeli, potrebbe essere ispirato anche da uno dei padri della fantascienza statunitense, ovvero Harlan Ellison, autore di celebri racconti come "Non ho bocca, e devo urlare" o "Pentiti Arlecchino! Disse l'uomo del tic-tac".

NetflixAltered Carbon 2, l'aristocrazia degli Harlan

Il mondo di Harlan è un mix di culture, composto principalmente da slavi e giapponesi, ma governato dal pungo di ferro della famiglia Harlan. Nonostante l'elevato tasso di popolazione, il pianeta è davvero piccolo e solo il 10% della sua superficie risulta abitabile. Il resto del pianeta è ricoperto dall'acqua e i suoi mari sono continuamente in balia della forza delle maree scatenata dalle tre lune.

Proprio per questi motivi la superficie abitabile del pianeta si divide principalmente in isole e arcipelaghi e il più grande di questi è proprio Millsport (città in cui avvengono molte vicende della serie), seguito da Kossuth e poi dal New Hokkaido.

Una fusione davvero particolare quella di Altered Carbon che non si limita a mettere insieme solo personaggi di diversa nazionalità, cultura e ceto sociale, ma descrive anche come questi caratteri cerchino di sopravvivere in una società dove la vita viene resa infinita e, a tratti logorante, dalle custodie.

La Capitale Millsport e l'economia delle Pile Corticali

Millsport è la capitale e la città più grande del mondo di Harlan. Qui è situata la sede governativa dell'intero pianeta, strategicamente posizionata sotto al sistema di difesa planetario chiamato l'Angelo.

NetflixAltered Carbon 2 la piattaforma orbitale l'Angelo

La principale aristocrazia della città, nonché del pianeta, è quella della famiglia Konrad che si occupa di mantenere l'ordine e di combattere i rivoluzionari guidati da Quellcrist Falconer, l'amore perduto del protagonista Takeshi Kovacs. Una donna che dopo tanti anni riesce ancora a instillare un sentimento di rivoluzione nel popolo di Harlan. Da molto tempo, infatti, i seguaci rimanenti della Falconer combattono una guerra continua contro la tirannia imposta dalla famiglia Konrad.

L'economia primaria della città e del pianeta stesso, è basata sull'estrazione del metallo usato per le pile corticali. Questi dispositivi sono quelli che permettono di immagazzinare la coscienza di una persona in una pila e passarla in un'altra custodia (corpo).

Il Nevermore Hotel e il richiamo al Corvo di Poe

Oltre alla prigione di massima sicurezza di Millsport, sul pianeta di Harlan trova luogo anche l'affascinante Nevermore Hotel. Dall'architettura (virtuale) vittoriana e decadente, il Nevermore Hotel assume il ruolo che aveva l'hotel "The Raven" nella prima stagione della serie, ovvero la base principale del protagonista.

NetflixAltered Carbon 2 il nevermore hotel

Proprio come l'hotel della prima stagione, anche questo secondo luogo si ispira alla poesia "Il Corvo" di Edgar Allan Poe (autore di cui è una copia virtuale anche Poe, l'aiutante di Takeshi). Il nome dell'hotel viene dalla parola "Nevermore" ripetuta quasi allo sfinimento dal corvo della poesia.

      Cerca