5 volte (più una) che Chris Evans è stato Capitan America nella vita vera

Marvel Studios Chris Evans nei panni di Capitan America

Chris Evans è stato protagonista di un clamoroso epic fail hard su Instagram, ma ha saputo rialzarsi da vero eroe. Del resto, l'attore ha dimostrato più di una volta di essere Capitan America anche nella vita vera...

L'auto-leak hard di Chris Evans è probabilmente la notizia del momento. Ma per chi non lo sapesse (...), qualche sera fa, il 12 settembre, in una storia su Instagram, l'interprete di Capitan America ha incidentalmente condiviso una sua foto privata. Molto privata. L'attore si è accorto in fretta dell'epic fail e ha cancellato tutto, ma non abbastanza velocemente. Il frame incriminato era già stato "screenshottato" e in poco tempo ha invaso il web.

Come sempre, la parte del leone l'hanno fatta i meme, con una valanga di prese in giro più o meno salaci per la star del Marvel Cinematic Universe (MCU) . Ma non sono mancati i fan (tanti, per dire la verità) che hanno chiesto rispetto per la privacy dell'attore.

D'altra parte, Scott Evans non ha esitato a "infierire" con affetto sul fratello:

Ieri non sono stato sui social. Dunque. Cosa mi sono perso?

Invece, Mark Ruffalo è corso in aiuto dell'amico e collega con un tweet che ha finito per... buttarla in politica:

Amico mio, finché Trump è presidente, non c'è niente che tu possa fare per cui debba sentirti in imbarazzo. Guarda il lato positivo.

Evidentemente, il messaggio dell'interprete di Hulk ha ispirato Chris, che dopo alcuni giorni di silenzio (probabilmente, vissuti non benissimo) è ricomparso sui social con un messaggio brillante. L'attore ha scelto di usare l'"incidente" per invitare i suoi follower ad adempiere ai loro doveri elettorali

Ora che ho la vostra attenzione... andate a votare il 3 novembre!

La chicca delle emoji del ragazzo sbadato e di quello che fa spallucce hanno mandato in visibilio i fan (ancora di più, se è possibile) e hanno confermato ulteriormente che - pure con gli auto-leak hard - Chris è Capitan America non solo sullo schermo, ma anche nella realtà.

Certo, Jamie Lee Curtis (collega dell'attore in Cena con delitto - Knives Out) ha sabotato un po' la solennità del momento con il suo commento malizioso:

Il mio ragazzo. Sono orgogliosa di te! Hai ottenuto la MIA attenzione!

E lo stesso ha fatto l'inevitabile marea di meme:

Ma battute e prese in giro non hanno intaccato l'immagine della star del MCU. Anzi, insieme al modo elegante che l'attore ha trovato per uscire dall'impasse, hanno contribuito a renderla ancora più epica. Proprio come i vari gesti che hanno fatto diventare l'interprete 39enne un "eroe" anche nella realtà. 

Per chi non si accontenta delle parole, ma vuole i fatti, ecco 5 volte (più una) che Chris Evans è stato Capitan America nella vita vera!

  1. Chris Evans e la galanteria verso Betty White, Scarlett Johansson e Regina King
  2. Chris Evans e il sostegno ai bambini malati
  3. Chris Evans e la raccolta fondi per vedere Captain Marvel
  4. Chris Evans e il salvataggio del teatro della sua città
  5. Chris Evans e il regalo speciale per il bambino che ha difeso la sorella da un cane
  6. Chris Evans e il salvataggio di un cucciolo abbandonato

Chris Evans e la galanteria verso Betty White, Scarlett Johansson e Regina King

Nel corso degli anni, Chris Evans si è fatto conoscere come un vero e proprio eroe di... galanteria.

In occasione dei People's Choice Awards 2015, l'attore è stato protagonista di un gesto nei confronti di Betty White che ha letteralmente sciolto i cuori dei suoi fan. La star del MCU era seduta vicino all'attrice e conduttrice e quando l'indimenticabile protagonista di Mary Tyler Moore e Cuori senza età è stata chiamata sul palco per ricevere il premio per la Favorite TV Icon, Chris le ha cavallerescamente offerto il braccio e l'ha scortata fino dalla conduttrice, Ellen DeGeneres (trovate la scena nel video qui sotto).

L'attore si è ripetuto agli Oscar 2019 con Regina King. Quando l'attrice e regista è stata premiata per Se la strada potesse parlare, Chris l'ha aiutata a districarsi dallo strascico del vestito e l'ha accompagnata sul palco:

La star del MCU ha dimostrato di essere un vero gentleman anche ai Golden Globe 2020. L'attore è stato chiamato a presentare due premi con Scarlett Johansson e ha aiutato l'amica e collega a uscire da una piccola impasse durante la consegna di quello per il Miglior attore a Taron Egerton. La gonna del vestito ha messo in difficoltà l'interprete di Vedova Nera e Chris ha letteralmente "sbrogliato" la faccenda, sistemando l'ampio strascico:

Chris Evans e il sostegno ai bambini malati

Chris Evans è in prima linea nella filantropia e nella beneficenza. L'attore sostiene diverse cause (per esempio, l'organizzazione no profit Got Your 6, che aiuta i veterani a reinserirsi nella società), ed è particolarmente impegnato con i più piccoli.

La star del MCU collabora da tempo con l'associazione Christopher's Haven, che si spende per dare supporto ai familiari dei bambini malati di cancro ricoverati in vari ospedali di Boston, mettendo a disposizione degli appartamenti e un'area ricreativa. Spesso e volentieri, Chris trascorre del tempo con le famiglie e i piccoli pazienti e non di rado coinvolge i colleghi "Avengers" in varie attività e nella raccolta di fondi.

Ma l'interprete di Capitan America non regala sorrisi solo ai bambini malati di Boston. Nel 2015, l'attore ha fatto visita all'ospedale infantile di Seattle vestito come il suo alter ego sullo schermo. L'iniziativa è nata da una scommessa fatta in occasione del Super Bowl con l'amico e collega Chris Pratt. In pratica, i due hanno stabilito che se la loro squadra avesse perso, sarebbero andati a trovare i piccoli pazienti di una struttura della città della squadra vincitrice nei panni di Cap o Star-Lord. Chris Evans ha vinto la scommessa, ma dopo che Chris Pratt si è recato a Boston, ha "ricambiato" ed è andato a Seattle vestito da Capitan America.

Tra le sue numerose "incursioni" negli ospedali pediatrici, nel 2017 l'attore ha sorpreso anche i bambini di quello di Los Angeles, presentandosi insieme alla giovane McKenna Grace, sua co-star nel film Gifted - Il dono del talento:

Chris Evans e la raccolta fondi per vedere Captain Marvel

Chris Evans non ha a cuore solo i più piccoli, ma anche la causa delle donne e la battaglia per la parità di genere. L'attore lo ha dimostrato (una volta di più) nel 2019, quando di sua iniziativa ha retwittato un post dell'associazione We Have Stories per raccogliere fondi per permettere alle bambine, alle ragazze e alle donne di ogni età di vedere Captain Marvel. Il "cinguettio" della star del MCU ha dato un impulso eccezionale alla campagna, che ha sforato il budget previsto di 20mila dollari ed è arrivata a raccoglierne oltre 63mila.

We Have Stories aveva previsto di condividere gli eventuali fondi in più con l'organizzazione no profit Girls Inc. LA per portare avanti altri progetti a favore della comunità femminile e l'interessamento di Chris ha fatto sì che la cifra diventasse davvero significativa.

Chris Evans e il salvataggio del teatro della sua città

Chris Evans non avrebbe fatto l'attore e non sarebbe stato Capitan America... senza il Concord Youth Theater nei sobborghi di Boston dove è cresciuto. La star del MCU ha rivelato che per lui è stato un luogo dove si è "sentito al sicuro", ha "preso dei rischi" e ha "esplorato", di fatto imboccando la strada che lo ha portato a Hollywood. Per questa ragione, l'attore si è impegnato per aiutare il teatro a trovare una sede permanente (dopo anni di peregrinazioni) e dare una chance ad altri studenti di recitazione come lui.

Alla fine, il Concord Youth Teather è approdato in una chiesa con 200 posti a sedere e Chris ha preso parte all'inaugurazione insieme alla mamma, che è la direttrice artistica del teatro (potete vedere il taglio del nastro e ascoltare le parole della star nel video qui sotto).

Chris Evans e il regalo speciale per il bambino che ha difeso la sorella da un cane

A luglio 2020, la storia di Bridger Walker, il bambino di 6 anni che ha difeso la sorella più piccola da un cane, venendo gravemente ferito, ha fatto il giro del mondo. Tantissimi attori e celebrità hanno ringraziato ed elogiato il piccolo eroe per il suo coraggio, anche diversi Avengers e protagonisti del MCU. E il messaggio di Chris Evans a Bridger è stato particolarmente toccante. 

L'attore ha inviato un video al bambino (lo trovate qui di seguito) in cui gli dice che è un eroe per il suo gesto "così coraggioso e altruista" e che sua sorella è "molto fortunata" ad averlo come fratello maggiore e i suoi genitori devono essere "tanto orgogliosi" di lui:

Continua a essere l'uomo che sei. Abbiamo bisogno di persone come te. Tieni duro. So che il recupero potrebbe essere difficile, ma per quello che ho visto, penso che non ci sia nulla che ti possa fermare. 

E poi conclude promettendogli un regalo a dire poco speciale, lo scudo di Capitan America:

Perché, amico mio, te lo meriti.

Chris Evans e il salvataggio di un cucciolo abbandonato

Un vero eroe? Ama (anche) gli animali. E infatti, Chris Evans ha un cane, Dodger, che ha adottato in canile. Tra il cucciolo e l'attore è stato "amore a prima vista", mentre i due giravano una delle ultime scene per il film Gifted:

Eravamo in un canile, in mezzo alle gabbie. Stupidamente, io sono entrato e ho pensato: 'Questi cani sono attori o sono qui davvero per essere adottati?'. E ovviamente erano lì per quello. Così, mentre camminavo avanti e indietro, ho visto questo cucciolo e chiaramente lui non apparteneva a quel posto. L'ho adottato ed è un cane fantastico. 

La star del MCU ha pubblicato il "primo incontro" con Dodger in occasione del National Pet Day del 2018 (lo potete vedere nel video qui sotto) e nel corso degli anni ha condiviso numerosi post in cui mostra l'affiatamento con il suo cucciolo:

Al netto del marketing, Chris Evans ha dimostrato in più di un'occasione di essere, se non Capitan America, di certo un uomo attento, sensibile e realmente impegnato a rendere il mondo un posto migliore. E il suo scivolone hot (con magistrale recupero), ha finito per farlo amare ancora di più dai fan. E (ci sta) da qualcuno, probabilmente, anche per ragioni non proprio "caste"...

Fonti: Pop Culture, CinemaBlend, People

      Cerca