Avengers: Age of Ultron, 10 curiosità sul film Marvel Studios

Ecco dieci curiosità su Avengers: Age of Ultron, secondo capitolo della saga Marvel dedicata ai Vendicatori, diretto da Joss Whedon.

Marvel Studios I protagonisti di Avengers: Age of Ultron

Dopo il successo del primo The Avengers, uscito nelle sale nel 2012, Avengers: Age of Ultron è il sequel diretto delle avventure dei Vendicatori, scritto e diretto da Joss Whedon e apparso nei cinema nel 2015.

Terzultimo capitolo della saga cinematografica dedicata ai personaggi nati tra le pagine dei fumetti Marvel Comics, il film mostra la dura battaglia tra il gruppo di eroi capeggiato da Steve Rogers/Captain America e Ultron, una potente intelligenza artificiale creata da Tony Stark e Bruce Banner come parte di un sofisticato programma di difesa globale, che decide ben presto di ribellarsi ai suoi creatori pianificando la distruzione dell'intera razza umana.

Nel cast della pellicola troviamo Robert Downey Jr. (Iron Man), Chris Evans (Captain America), Chris Hemsworth (Thor), Mark Ruffalo (Hulk), Jeremy Renner (Hawkeye), Scarlett Johansson (Black Widow), Don Cheadle (War Machine), Paul Bettany( Visione) e James Spader (Ultron).

Ecco dieci curiosità dedicate al secondo lungometraggio sul gruppo di eroi Marvel.

1) Le location italiane

Age of Ultron ha visto un gran numero di sequenze girate in Valle d’Aosta, a partire dal Forte di Bard - fortezza costruita nel XIX secolo dai Savoia - scelta come sede principale dell’HYDRA in cui si trova nascosto il Barone Von Strucker. Il luogo è anche la location scelta da Ultron per mettere a punto il suo piano di sterminio ai danni della popolazione mondiale.

Altre scene presenti nel film di Joss Whedon sono state girate invece nei comuni di Bard, Donnas, Pont-Saint-Martin, Verrès, Hône e Aosta, trasformati nell'immaginaria città dell'Europa dell'Est chiamata Sokovia.

2) Il cameo di Stan Lee

Come ogni film appartenente al Marvel Cinematic Universe che si rispetti, anche il secondo capitolo della saga dedicata agli Avengers presenta al suo interno un divertente cameo del leggendario Stan Lee, il celebre fumettista americano creatore dei più importanti personaggi della Casa delle Idee.

Il Sorridente compare in una sequenza nella Avengers Tower di Tony Stark, dove - nel bel mezzo di una festa - vuole a tutti i costi provare il super alcolico offerto dal Dio del Tuono Thor. Il risultato? Il simpatico veterano di guerra finisce per ubriacarsi in maniera decisamente molesta.

3) L'aspetto originale (e spaventoso) di Ultron 

Il villain Ultron è una presenza decisamente minacciosa per tutta la durata del film, grazie anche e soprattutto al suo aspetto ben poco rassicurante. Il concept artist Phil Saunders ha mostrato alcune concept art che mostrano l'aspetto originale che avrebbe potuto avere il super cattivo nel film di Joss Whedon.

La versione "scartata" di Ultron era decisamente più minacciosa e inquietante di quella vista al cinema, grazie alla presenza di alcune sfumature rosso sangue presenti su petto, occhi e bocca del personaggio.

 

4) Il "doppio" Quicksilver

Quicksilver, noto con il nome reale di Pietro Maximoff, fa il suo debutto nel MCU con il volto dell'attore Aaron Taylor-Johnson. Lui e sua sorella Wanda sono infatti due orfani di origini russe, che hanno ottenuto i loro poteri in seguito a degli esperimenti compiuti su di loro dalla temibile organizzazione terroristica HYDRA.

Il Quicksilver di Agen of Ultron non è però l'unica versione del personaggio ad essere apparsa al cinema: nella saga cinematografica degli X-Men a cura di 20th Century Studios, il personaggio è interpretato da Evan Peters, nonostante sia inquadrato come un adolescente mutante e scavezzacollo, all'oscuro del fatto di essere in realtà il figlio di Magneto.

5) Hulk va nello spazio

Decisamente scatenato nel primo The Avengers, in Age of Ultron Bruce Banner/Hulk torna a dare man forte alla squadra di Captain America e soci nella lotta contro Ultron. Purtroppo, in preda alla follia causata dalle visioni di Scarlet Witch, Hulk perde definitivamente il controllo di se stesso, tanto che Tony Stark è costretto a usare l'armatura Hulkbuster per fermarlo.

Nella sceneggiatura originale del film, il Gigante di Giada avrebbe dovuto finire nello spazio profondo, creando così un aggancio vero e proprio a una storia ispirata a Planet Hulk, la saga a fumetti scritta da Greg Pak e che vede il colosso verde spedito su di un pianeta lussureggiante dagli Illuminati, in modo che non possa nuocere ad anima viva.

Nel secondo film dedicato agli Avengers, vediamo il Gigante Verde scomparire a bordo di un Quinjet avvistato per l’ultima volta sopra il mar Caspio. In Thor: Ragnarok (2017) Hulk si ritroverà davvero su un altro pianeta, Sakaar, dove verrà schiavizzato e costretto a partecipare a combattimenti letali simili a quelli dei gladiatori romani.

6) Il doppio ruolo di Paul Bettany

Paul Bettany ha lavorato in uno studio di registrazione fin dal primo Iron Man (2018) prestando la voce a J.A.R.V.I.S.. l'intelligenza artificiale nonché fedele assistente personale di Tony Stark.

Durante le vicende di Age of Ultron, Bettany diventa di "carne e ossa" prestando le fattezze dell'androide Visione, membro chiave del team dei Vendicatori (e ben presto interesse amoroso di Scarlet Witch). L'eroe nasce infatti proprio dal caricamento dei tracciati digitali di J.A.R.V.I.S. innestati in un corpo ipertecnologico ideato da Ultron.

Marvel StudiosUn'immagine di Visione

7) I grandi assenti

Age of Ultron è pieno zeppo di personaggi provenienti dall'Universo Cinematografico Marvel, sebbene i più attenti si saranno sicuramente accorti di alcune "assenze" di un certo peso. Pepper Potts e Jane Foster, rispettivamente le compagne di Tony Stark e Thor, non sono presenti.

Una breve apparizione delle attrici Gwyneth Paltrow e Natalie Portman avrebbe sicuramente fatto molto piacere ai fan delle "love story" del MCU. Ma non solo: anche Loki, il Dio dell'Inganno nonché villain principale del primo The Avengers, non è presente nel film (Tom Hiddleston avrebbe dovuto apparire in un cameo tagliato dal montaggio finale, assieme a quello del personaggio di Heimdall di Idris Elba). 

8) Le sosia di Vedova Nera

Durante le riprese del film, l'attrice Scarlett Johansson - interprete del personaggio di Vedova Nera - era incinta. Considerando che la coraggiosa e atletica Natasha Romanoff non poteva certo apparire col pancione e combattere le armate di Ultron, la produzione ha ben pensato di trovare un escamotage per nascondere "il problema".

Marvel Studios ha infatti ingaggiato ben tre controfigure estremamente simili all'attrice, utili a svolgere le sequenze d'azione più a rischio per la Johansson. C'è da dire che, al netto del trucco decisamente semplice, nessuno in sala ha notato la differenza tra la "vera" Vedova Nera e le sue sosia.

9) Thanos è in arrivo

Un piccolo cameo in Avengers: Age of Ultron, a metà dei titoli di coda del film, è riservato al celebre Thanos - interpretato da Josh Brolin - il Titano Pazzo che diverrà poi l'avversario più temuto e mortale che i Vendicatori abbiano mai incontrato sul loro cammino.

Lo vediamo afferrare il Guanto dell Infinito, ancora privo delle varie Gemme perse nei meandri della galassia, annunciando che “se ne dovrà occupare personalmente.” Come sappiamo, infatti, sarà lui il grande villain di Avengers: Infinity War ed Endgame.

10) Addio, Joss Whedon

Il regista Joss Whedon, che aveva diretto nel 2012 l'acclamato The Avengers, è tornato per il sequel ufficiale uscito nelle sale nel 2015. Si tratta, di fatto, dell'ultima partecipazione di Whedon nel Marvel Cinematic Universe, visto che Avengers: Infinity War ed Endgame sono stati entrambi diretti dai fratelli Anthony e Joe Russo.

Nonostante il film non sia considerato un flop, Whedon si è detto però decisamente insoddisfatto del suo film, tanto da disattivare il suo account Twitter dopo gli insulti ricevuti sul social network.

L'autore ha in precedenza portato sul piccolo schermo la serie televisiva Agents of S.H.I.E.L.D., spin off del 2013 sviluppato da Marvel e ABC e incentrato sulla squadra di agenti speciali capeggiata da Phil Coulson (personaggio interpretato da Clark Gregg). A marzo 2017 Whedon viene scelto per scrivere e dirigere un film incentrato su Batgirl (il cui sviluppo non vedrà mai la luce) per poi subentrare al regista Zack Snyder alla regia del discusso Justice League.

Leggi anche

      Cerca