Hammamet, il trailer del film di Gianni Amelio con Pierfrancesco Favino

Autore: Rina Zamarra ,

Pierfrancesco Favino è diventato Bettino Craxi. L’attore assomiglia al politico nelle movenze, nella cadenza e nell’aspetto fisico. 

Le prime foto dal set, pubblicate qualche giorno fa, rivelavano già la straordinaria trasformazione di Favino, che incarna perfettamente l’ex segretario del Partito Socialista Italiano.

Advertisement

La sinossi ufficiale del film chiarisce che Hammamet è incentrato sul periodo dell’esilio forzato e sugli ultimi mesi di vita di Craxi, morto il 19 gennaio del 2000.

Come sapete, Craxi si rifugiò in Tunisia nel maggio del 1994 e fu dichiarato latitante nel 1995. E fu proprio a Hammamet che Craxi venne colpito da un arresto cardiaco e morì. L’allora Presidente del Consiglio Massimo D’Alema propose le esequie di Stato, che furono rifiutate dagli altri leader politici e dalla famiglia stessa di Craxi. Questi ultimi, infatti, accusarono il governo di aver impedito il rientro dell’ex politico in Italia per sottoporsi a una delicata operazione al cuore, che fu effettuata in Tunisia.

Gianni Amelio ha dichiarato che il film è incentrato proprio sull’agonia fisica e morale dell’ex leader, durante i suoi ultimi sei mesi di vita.

Advertisement

In realtà, il trailer mostra anche come le vicende politiche italiane e il processo a suo carico siano presenti nel film e intrecciati all’esilio in Tunisia. Non a caso, nella sinossi si legge:

Basato su testimonianze reali, il film non vuole essere né una cronaca fedele né un pamphlet militante.

Semplicemente, Hammamet si ripropone di rompere quel “silenzio assordante” dietro cui è stato sepolto il nome di Craxi:

Hammamet riflette uno spaccato scottante della nostra storia recente… il suo nome [Craxi], che una volta riempiva le cronache, è chiuso oggi in un silenzio assordante. Fa paura, scava dentro memorie oscure, viene rimosso senza appello.

Oltre a Pierfrancesco Favino, il cast è composto da Livia Rossi, Luca Filippi, Renato Carpentieri, Claudia Gerini, Silvia Cohen, Omero Antonutti, Giuseppe Cederna e Roberto De Francesco.

Advertisement

Per vedere il film dovete aspettare il 9 gennaio 2020, data di debutto in sala di Hammamet.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Volevo nascondermi guida la corsa ai David di Donatello 2021: tutte le nomination ai premi del cinema italiano

Favolacce, Hammamet e Volevo nascondermi guidano la corsa ai David di Donatello 2021, in un'annata che vede aumentare la presenza femminile e della distribuzione alternativa nelle categorie strategiche. Tutte le nomination.
Autore: Elisa Giudici ,
Volevo nascondermi guida la corsa ai David di Donatello 2021: tutte le nomination ai premi del cinema italiano

Favolacce, Hammamet e Volevo nascondermi sono i tre film italiani a guidare la corsa ai David di Donatello 2021, rispettivamente con 15, 14 e 13 candidature. È questo il primo verdetto di un'annata di transizione e parziale cambiamento non solo per il mondo del cinema italiano, ma anche per quello del premio ad esso legato. 

Subito dopo i primi tre candidati vediamo infatti le 11 candidature di L'incredibile storia dell'Isola delle Rose, produzione Netflix che ha fatto il suo esordio direttamente sulla piattaforma a pagamento. Importante (e femminile) la presenza di film italiani che hanno beneficiato del trampolino del Festival di Venezia, l'unico tenutosi in presenza e quasi a pieno regime dell'annata. Sia Miss Marx sia Le sorelle Macaluso c'entrano la nomination come miglior film e miglior regia. 

Sto cercando altri articoli per te...