La Casa di Carta – Parte 5: Volume 2, il messaggio del Professore a Rafael

Autore: Manuela Greco ,
Netflix
3' 45''
Copertina di La Casa di Carta – Parte 5: Volume 2, il messaggio del Professore a Rafael

Siamo ormai giunti alla conclusione de #La Casa di Carta: con gli ultimi cinque episodi della Parte 5 ci siamo congedati dal Professore e dalla sua banda di rapinatori, che ci hanno tenuti compagnia dal 2017 con colpi di scena, sequenze adrenaliniche, azione e anche qualche trovata assurda di tanto in tanto.

La Casa di Carta – Parte 5: Volume 2 è iniziata esattamente dove si erano conclusi gli episodi distribuiti a settembre da Netflix, con Rio e compagni scossi dall'inaspettata morte di Tokyo e arresi alla possibilità di non poter uscire vivi dal colpo al Banco de España a Madrid.

Advertisement

Lo shock, tuttavia, lascia il posto alla speranza quando, riunitisi, i protagonisti decidono di reagire cercando in tutti i modi di portare il piano a compimento.

Guidati da un euforico Palermo, i rapinatori riescono a portare l'oro fuori dal Banco de España, ma proprio in quel momento giungono sul posto Rafael e Tatiana, che con un inganno si fingono poliziotti e rubano al Professore il bottino da sotto il naso.

E quando sembra che le cose non potrebbero andare peggio, ecco che la polizia irrompe nel Banco de España minacciando la vita dei rapinatori, così Sergio si trova costretto a raggiungerli e abbandonare momentaneamente la caccia ai lingotti d'oro. Tuttavia, poco prima di recarsi anch'egli presso la Banca centrale spagnola, il Professore chiede ad Alicia Sierra, inaspettata alleata, di cercare Rafael e Tatiana.

La casa di carta La casa di carta Otto ladri si barricano nell'edificio della Zecca spagnola con alcuni ostaggi, mentre una mente criminale manipola la polizia per mettere in atto il suo piano. Apri scheda

La Casa di Carta – Parte 5: Volume 2, le teorie sul messaggio del Professore a Rafael

Quando l'ex ispettrice riesce a scovarli, recapita al figlio di Berlino un messaggio del Professore, che lo fa desistere dall'idea di rubare il bottino. Le due parti riescono così ad arrivare a un accordo che prevede di dividere l'oro del Banco de España, ma non ci vengono mai rivelate le esatte parole che Sergio scrive al nipote.

Proprio per questo motivo, i fan de La Casa di Carta hanno provato a darsi delle risposte.

Una questione di famiglia

Pur trattandosi di semplici speculazioni, la più convincente risulta quella secondo cui Rafael sia stato spinto ad accettare l'accordo di dividere l'oro in onore di suo padre.

Advertisement

Quando, infatti, nelle scene conclusive Tatiana domanda a Rafael se sia sicuro che riceverà la sua parte, il ragazzo risponde affermativamente, aggiungendo che si tratta di "un affare di famiglia".

Advertisement

A questo punto è facile intuire che la nota abbia ricordato a Rafael proprio l'importanza della famiglia, soprattutto se la scena la si legge in parallelo al flashback in cui Sergio ha spiegato ad Andrés e Rafael i motivi per cui si è dato alle rapine: non per edonismo, non per un qualche tratto del carattere, ma perché gli viene dal sangue, perché è stato figlio di un ladro, fratello di un ladro e, si spera, padre di un ladro.

La rapina al Banco de España, dopotutto, è stata per il Professore un modo per onorare la memoria di Berlino, e molto probabilmente il messaggio ha convinto Rafael ad abbracciare l'idea di suo zio e del suo defunto padre secondo cui nulla è più importante della famiglia.

Netflix
Patrick Criado e Pedro Alonso in una scena de La Casa di Carta

I lingotti falsi

Secondo un'altra teoria, Rafael si sarebbe convinto a dividere il bottino perché nella nota il Professore avrebbe fatto un'allusione ai calici vichinghi rubati durante il primo colpo del figlio di Berlino.

Come Andrés, Tatiana e Rafael avevano scambiato il tesoro nei flashback presenti ne La Casa di Carta – Parte 5: Volume 1, così ha fatto anche il Professore, che ha portato al Banco de España dei lingotti d'ottone al posto di quelli d'oro.

Un richiamo che, secondo alcuni fan, avrebbe dato a Rafael la possibilità di riporre la propria fiducia nello zio.

Advertisement

Rafael era parte del piano

Una teoria piuttosto tirata per i capelli, invece, vuole che il figlio di Berlino fosse a conoscenza dell'intero piano, e che il furto di Rafael e Tatiana e la successiva ricerca dell'oro scomparso fosse solo un bluff del Professore, che doveva far credere persino alla sua banda che il bottino fosse realmente stato rubato.

L'idea nasce dalla scena in cui Sergio rivela a Palermo che nessuno all'interno del Banco de España doveva sapere dove si trovasse l'oro una volta fuori. Il Professore avrebbe dunque coinvolto Rafael nel piano chiedendogli di sotterrare l'oro e tenerlo al sicuro dalla polizia.

Questo, tuttavia, non spiegherebbe perché il Professore avrebbe chiesto ad Alicia di intercedere per scovare Rafael e Tatiana e riappropriarsi dell'oro rubato.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La Casa di Carta 5: le domande rimaste senza risposta

La Casa di Carta si è conclusa con un finale al di sopra delle aspettative, ma restano comunque alcune domande (per lo più dettagli minori) senza risposta.
Autore: Giulia Greco ,
La Casa di Carta 5: le domande rimaste senza risposta

Emozionante e ricca di colpi di scena, La Casa di Carta si è conclusa con un finale al di sopra delle aspettative. I protagonisti della serie spagnola di Álex Pina sono riusciti a uscire indenni dalla rapina più caotica ed elaborata del secolo. La storia si è chiusa nel migliore dei modi possibili, eppure restano alcune domande alle quali non riusciamo ancora a dare risposta.

Sto cercando altri articoli per te...