She-Hulk: la serie Marvel/Disney potrebbe essere una legal comedy

Autore: Marcello Paolillo ,
Disney+
2' 1''
Copertina di She-Hulk: la serie Marvel/Disney potrebbe essere una legal comedy

In occasione dell'Investor Day di Disney lo scorso 11 dicembre, il boss di Marvel Studios Kevin Feige ha confermato l'uscita di #She-Hulk, la serie TV basata sulle avventure della cugina dell'altrettanto celebre Bruce Banner/Hulk (interpretato nel MCU da Mark Ruffalo).

L’attrice protagonista, Tatiana Maslany, sarà affiancata dallo stesso Ruffalo (nuovamente nei panni del Gigante di Giada), assieme al ritorno di Tim Roth nei panni del villain Abominio (visto nel film L'Incredibile Hulk, di Louis Leterreier).

Advertisement

Ora, in occasione di un'intervista con Emmy Magazine (via SlashFilm), Feige è tornato a parlare proprio dello show dedicato a She-Hulk, rivelando che la serie avrà la forma della "legal comedy", con episodi della durata massima di mezz’ora l’uno. Si tratta, di fatto, di una scelta mai presa in considerazione da Marvel Studios e Disney, visto che la serie dedicata alle avventure di Jennifer Susan Walters (questo il nome dell'alter ego di She-Hulk) potrebbe avere un ritmo decisamente unico nel suo genere.

Quello che ci aspetta quindi potrebbe non essere uno show ad alto tasso di azione come The Falcon and the Winter Soldier (in uscita il 19 marzo 2021), oppure una serie in stile sit-com come WandaVision (prevista invece per il 15 gennaio del prossimo anno).

She-Hulk: Attorney at Law She-Hulk: Attorney at Law In "She-Hulk: Attorney at Law,” dei Marvel Studios, Jennifer Walters - un avvocato specializzato in casi legali superumani - vive una complicata vita da trentenne single, e si dà il ... Apri scheda

Advertisement

Considerando che il personaggio della Walters è di professione avvocato, potremmo quindi trovarci tra le mani un buon numero di episodi incentrati sui vari "casi" che l'eroina sarà chiamata ad affrontare dentro e fuori dal tribunale, senza dimenticare spunti umoristici in grado di donare allo show un tono più "leggero".

Nei fumetti Marvel Comics (la prima apparizione del personaggio risale infatti al 1980, tra le pagine del primo numero di Savage She-Hulk), Jennifer acquisisce i suoi poteri proprio in seguito a una trasfusione di sangue da Bruce Banner, sebbene - a differenza di suo cugino - riesca a controllare le sue trasformazioni.

Spesso e volentieri membro dei Vendicatori e anche dei Fantastici Quattro (prendendo il posto del personaggio della Cosa/Ben Grimm), She-Hulk possiede una forza superumana, in grado di renderla a tutti gli effetti la donna più forte dell'universo Marvel (perlomeno, dal punto di vista prettamente fisico).  

Durante la produzione, Marvel e Disney indicheranno lo show con il titolo di "Libra" (ossia "Bilancia"), elemento legato a doppio filo sia all’idea di giustizia che al segno zodiacale.

She-Hulk, prevista in esclusiva su Disney+, non ha ancora una data di uscita ufficiale, sebbene dovrebbe in ogni caso approdare sul catalogo streaming nel corso del 2022.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Come She-Hulk ha cambiato il Marvel Cinematic Universe

Cosa sta succedendo al Marvel Cinematic Universe? She-Hulk: Attorney at Law sta cambiando per sempre l'MCU inserendo il gene mutante.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Come She-Hulk ha cambiato il Marvel Cinematic Universe

She-Hulk: Attorney at Law è la serie TV live-action che ha portato la cugina di Hulk, Jennifer Walter, per la prima volta sul piccolo schermo. La sua avventura in questa serie dagli episodi brevissimi punta a divertire il pubblico e a intrattenerlo con alcuni siparietti scollegati tra loro. La narrazione orizzontale, ossia la trama che collega tutti gli episodi, è molto labile e si sviluppa a intermittenza, rendendo così lo show in uscita ogni giovedì su Disney+ un simpatico siparietto incentrato sulla vita della sua protagonista She-Hulk. Fino a questo punto She-Hulk: Attorney at Law si può inserire nel comparto delle proposte televisive divertenti e leggere come ne esistono tante altre, ma ciò che la distingue enormemente dalle altre comedy è che è una serie del Marvel Cinematic Universe. Ciò vuol dire che fa parte di un meccanismo con tantissimi ingranaggi, un pregresso storico e un futuro più o meno collegato. Quindi anche la serie più scherzosa dovrebbe mantenere dei paletti di integrita ben piantata nel mondo in cui nasce. She-Hulk: Attorney at Law ha questo profilo?

Il dubbio è sempre più alto dopo il settimo episodio dal titolo Il ritiro, andato in onda il 29 settembre 2022, e il motivo è fondamentalmente uno: il Marvel Cinematic Universe sta diventando un parco divertimenti per persone dotate di poteri. Nel settimo episodio di She-Hulk: Attorney at Law, Jennifer Walters si ritrova bloccata nel ritiro di Emil Blonsky che, dopo l'annuncio del film Thunderbolts nel quale lui è assente, pare non avere davvero un futuro nell'MCU. In questo ritiro spirituale immerso nella natura Jennifer incontra cinque uomini, alcuni dotati di poteri: Demolitore, Man-Bull, Aguila, Porcospino e Saracen. Tutti sono personaggi "leggeri" con un profilo scherzoso. Tra questi pare che Man-Bull abbia assunto una forza sovrumana e un aspetto da uomo-toro, dopo essere stato sottoposto a un esperimento. Aguila così come nei fumetti è un mutante capace di creare scariche elettriche. Demolitore - che nel terzo episodio lo si è visto nel gruppo dei Wrecking Crew - non ha dimostrato di avere nessun potere. Porcospino pare avere solo un costume come nei fumetti, dov'è un nemico di Ant-Man e ha un costume tecnologico molto potente. Saracen dice di essere un vampiro, ma ciò non è stato confermato dallo show, mentre nei fumetti Saracen è un mercenario nemico del Punitore che non combacia con il profilo visto in She-Hulk: Attorney at Law.

Sto cercando altri articoli per te...