Ecco perché Prey è ambientato nel 1719

Autore: Giulia Angonese ,
Copertina di Ecco perché Prey è ambientato nel 1719

Dopo aver scoperto perché il film prequel di Predator si chiama Prey, adesso è la volta di scoprire come mai Prey è ambientato nel 1719? La scorsa settimana, Dan Trachtenberg, regista di Prey, in occasione della proiezione di gala in Inghilterra, ha rilasciato un’interessante considerazione in merito alla sorprendente scelta di ambientare il film nella cornice storica dell’America del 1719, tra i nativi Comanche. 

Intervistato da Film Updates, ha affermato:

Advertisement

Perché non ambientarlo nel passato? Principalmente volevo fare un film con protagonisti che non vediamo mai così centrali nella trama, come i nativi americani, in particolare i Comanche, e una storia di questo tipo si presta già di per sé a essere ambientata nel passato. Voglio andare oltre rispetto alla visione tipica che abbiamo dei nativi nel western in un film cowboy, nel periodo del 1800. Così, sono risalito all’epoca di splendore dell’impero Comanche.

Quinto capitolo della saga Predator, iniziata nel 1987 con l’omonimo film di John McTiernan, Prey ha ricevuto ottime critiche (qui la nostra recensione) tanto da essere considerato il miglior prodotto del franchise. Uno dei motivi di entusiasmo risiede proprio nell’ambientazione storica delle vicende che hanno per protagonista Naru (la rivelazione Amber Midthunder).

Advertisement

Il film, seguendo l'evoluzione eroica della giovane guerriera in difesa del suo popolo attaccato dall'alieno Predator, ricostruisce in modo dettagliato le tradizioni dei Comanche, con una scenografia dove la natura si impone nel suo lato più selvaggio e primordiale.

Un ritratto autentico e suggestivo dell’antica popolazione, che lo spettatore può esplorare e conoscere ancora meglio grazie alla possibilità, offerta dalla piattaforma streaming Disney+, di guardare il film in lingua originale Comanche. Un omaggio significativo alla storia dei nativi americani, frutto del sodalizio tra Trachtenberg e la produttrice del film Jhane Meyers, di origine Comanche, attenti a evitare che cultura e tradizioni degli indigeni venissero stereotipate come accaduto nei western classici di inizio e metà Novecento. Il cast stesso è composto da attori discendenti dalle prime popolazioni del Nuovo Continente: Amber Midthunder (Sioux), Stormee Kipp, Dakota Beavers, Michelle Thrush e Julian Black Antelope.

Ecco quindi perché Prey è ambientato nel 1719.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Jane Foster potrebbe tornare nell'MCU, ecco come

Scopri come e perché Jane Foster potrebbe tornare nell'MCU, riportando la bravissima Natalie Portman nello stesso ruolo sullo schermo!
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Jane Foster potrebbe tornare nell'MCU, ecco come

Thor: Love and Thunder di Taika Waititi è un film colorato e divertente che riesce anche a essere emozionante: la parola "love" nel titolo rappresenta un tema che, inaspettatamente, percorre il film in diverse forme. L'amore tra due persone in coppia, l'amore di un genitore per il figlio, sono messi in evidenza in modo coinvolgente, e il risultato rende Thor: Love and Thunder un capitolo leggermente diverso nella lunga saga del Marvel Cinematic Universe (MCU). L'azione e l'ironia che contraddistinguono le opere Marvel Studios sono in questo caso accompagnate anche da una riflessione più profonda, che punta a trasmettere allo spettatore il valore universale dell'amore. Se il film, disponibile su Disney+ riesce nel suo intento, parte del merito va anche a Natalie Portman nel ruolo di Jane Foster, personaggio amato dal pubblico, grazie a film come Thor del 2011 e Thor: The Dark World del 2013.

Sto cercando altri articoli per te...