Normal People: il vero amore lascia andare nel finale di stagione

Autore: Paola Pirotti ,
Copertina di Normal People: il vero amore lascia andare nel finale di stagione

Sin dal suo esordio su BBC e Hulu (rispettivamente il 26 aprile in Inghilterra, il 29 negli Stati Uniti), la miniserie Normal People è riuscita ad attirare l'attenzione di critica e pubblico con grande entusiasmo e consensi come non se ne vedono facilmente nel mondo della serialità. In Italia la serie è disponibile su Starzplay dal 16 luglio e promette di conquistare anche i più scettici. 

La serie, composta da 12 episodi e basata sull'omonimo romanzo della giovanissima scrittrice irlandese Sally Rooney, è diretta da due apprezzati registi del cinema e della TV britannica: Lenny Abrahamson (che ha curato la regia dei primi 6 episodi) e Hettie Macdonald (che si è occupata della seconda parte della serie). I due hanno saputo raccontare la storia d'amore tra Marianne, interpretata da Daisy Edgar-Jones, e Connell, interpretato da Paul Mescal, con un'attenzione sensibile e un'incredibile delicatezza visiva. Così come hanno fatto con le parole e le azioni le due sceneggiatrici: Sally Rooney stessa e la veterana Alice Birch (Succession).

Advertisement

Protagonisti incredibili di Normal People sono due attori emergenti, inglese lei e irlandese lui, con una coscienza dei loro personaggi tale da far impallidire attori più affermati. Daisy Edgar-Jones, 22 anni, e Paul Mescal, 24 anni, hanno tutte le carte in tavola per diventare le nuove promesse del cinema e della televisione del momento.

Per il momento ci sono poche speranze di rivedere Connell e Marianne in una seconda stagione: dopotutto è l'adattamento di un romanzo che non ha seguito. Ma recentemente i due protagonisti sono tornati in un breve episodio speciale per un evento di beneficenza organizzato dal telethon irlandese, RTE Comic Relief.

Il finale di Normal People

BBC / Hulu
I protagonisti di Normal People
Connell e Marianne in una scena di Normal People

Nell'ultimo episodio della serie troviamo Marianne e Connell pervasi da un'equilibrio e una serenità senza precedenti per i due. La loro relazione non è mai stata così felice, nonostante i piccoli turbamenti che li perseguitano ancora, come il fatto che Marianne ha ufficialmente chiuso i rapporti con la sua famiglia e, per quanto non voglia darlo a vedere, ne soffre molto.

Ma adesso sta imparando a costruire un'identità che sia sua, lontana da ambienti e personalità tossiche e più vicina a Connell, che dal suo canto sta facendo tutto ciò che è necessario per combattere i suoi demoni. Ogni piccolo momento, durante l'episodio, è una conferma della forza che i due hanno trovato nell'accettazione dei loro sentimenti: Connell ottiene successo dalla rivista a cui ha collaborato, e Marianne festeggia il suo compleanno con amici veri e regali che contano.

Advertisement
BBC / Hulu
Daisy Edgar-Jones in Normal People
Nel finale di stagione, Marianne trova finalmente se stessa

Tutto sembra perfetto, da spettatori siamo quasi tentati di chiudere tutto per non assistere a quello che, inevitabilmente, sta per accadere.
Connell riceve un'e-mail, una buona notizia: c'è un corso di scrittura creativa che una prestigiosa università di New York è più che decisa ad offrirgli. Tutto dopo aver letto uno dei suoi racconti pubblicati. Il mondo di Connell vacilla di nuovo, nelle sue paranoie e le sue insicurezze. Può lasciare l'Irlanda? Può lasciare la sua comfort zone per qualcosa per cui non si crede all'altezza? Ma, soprattutto, può lasciare Marianne ora che l'ha davvero trovata?

Certo che può. Può farlo ed è proprio la ragazza a dirglielo, spingendolo ad accettare il posto. Il confronto tra i due, nel finale dell'episodio, è un semplice slancio di commozione, intimo, spoglio di altro che non sia sentimento. 

Advertisement
BBC / Hulu
I protagonisti di Normal People
Una storia d'amore che parla senza filtri alla Generation Z

Ci siamo fatti così bene l'un l'altro, confessa ad alta voce Marianne. Ed è questa la sua vittoria: riconoscere di meritare qualcosa, essere abbastanza solida da non doversi aggrappare più a nessuno. Perché ha fatto del bene, così come lui l'ha fatto a lei.

E nessuno può negarlo. Non possono farlo loro né le persone intorno a loro. E di sicuro non può negarlo il pubblico, tutto quel bene che i due si sono fatti. Per questo, bastano poche battute lapidarie per dare amarezza e al contempo speranza.

Connell: Partirò.
Marianne: E io resterò. E staremo bene.

E nonostante l'amarezza di un amore lontano, distante, quasi troncato dalla concretezza della vita, Connell e Marianne staranno bene. E questo, in fondo, ci basta.

Normal People è disponibile in Italia su Starzplay dal 16 luglio.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Le migliori serie TV del 2020 secondo il New York Times e TVLine

Il prestigioso quotidiano statunitense e il sito web specializzato stilano le pagelle con le Top 10 dei migliori show dell'anno: i titoli in comune sono tre, ovvero Mrs. America, Better Call Saul e Normal People.
Autore: Alessandro Zoppo ,
Le migliori serie TV del 2020 secondo il New York Times e TVLine

Ci sono serie TV molto attese che hanno soddisfatto le aspettative, alcune che hanno diviso nettamente critica e pubblico e altre ancora che si sono rivelate dei piccoli, grandi gioielli.

Le redazioni di TVLine e del New York Times hanno voluto mettere ai voti le serie arrivate sugli schermi in questo maledetto 2020.

Sto cercando altri articoli per te...