I più visti del 2020 negli USA: Disney+ vince coi film, ma Netflix domina con le sue serie

Autore: Cristina Migliaccio ,
Disney+
3' 49''
Copertina di I più visti del 2020 negli USA: Disney+ vince coi film, ma Netflix domina con le sue serie

Il 2020 non è stato un anno facile, ma ha sicuramente aiutato il mondo della televisione ad aumentare il pubblico di riferimento. Complice la pandemia causata dal Covid-19, in tantissimi - trovandosi chiusi in casa e non sapendo cos'altro fare - hanno trovato conforto nella televisione, in particolare attingendo alle piattaforme streaming e ai loro vasti contenuti. Ma a contendersi il podio sono sicuramente Netflix e Disney+, almeno negli Stati Uniti. 

Da un recente studio del fenomeno streaming, come evidenziato da Nielsen, gli utenti nel 2020 hanno premiato in gran parte l'originalità (quindi prodotti made by Netflix e Disney), mentre l'altra fetta d'attenzione è stata catturata da serie TV in licenza molto amate a carattere internazionale: un esempio della sezione originale Netflix è #Ozark, giunta alla terza stagione e che gli utenti hanno guardato per circa 30,5 miliardi di minuti per un totale di 28 episodi.

Advertisement

Ma, mettendo da parte l'originalità, tanti altri utenti hanno preferito premiare (o recuperare) il classico: un esempio eclatante è proprio The Office, amatissima serie con Steve Carell la cui licenza su Netflix è terminata a dicembre 2020 e che, nell'anno della pandemia, è stata guardata per un totale di 57 miliardi di minuti su una visione di 192 episodi. 

Di seguito le top 10 di tutte le serie TV (originali e non) e i film più visti nel 2020:

Le serie TV originali più viste nel 2020

Quali sono le serie TV originali più guardate nel 2020? La top ten in realtà evidenzia la supremazia di Netflix: Disney trova posto soltanto con un prodotto originale.

  1. Ozark, Netflix
  2. Lucifer, Netflix
  3. The Crown, Netflix
  4. Tiger King, Netflix
  5. The Mandalorian, Disney+
  6. The Umbrella Academy, Netflix
  7. Great British Baking Show, Netflix
  8. Baby Boss: di nuovi in affari, Netflix
  9. Longmire, Netflix
  10. You, Netflix

Al primo posto vediamo Ozark che primeggia con i suoi 30 miliardi di minuti visti. Al secondo posto #Lucifer, sempre trasmesso su Netflix, con 18 miliardi di minuti. Al terzo posto #The Crown, la serie storica di Netflix che nel 2020 è tornata con la quarta stagione e che, su 40 episodi, ha collezionato 16 miliardi di minuti visti.

Advertisement

Al quarto posto Tiger King, sempre su Netflix, con 15 miliardi di minuti, al quinto posto invece Disney+ si ritaglia uno spazio da dedicare a The Mandalorian, l'appassionante serie legata all'universo di Star Wars che ha ottenuto su 16 episodi 14 miliardi di minuti. Al settimo posto si torna su Netflix con Great British Baking Show con 13 miliardi di minuti, all'ottavo posto Baby Boss: Di nuovo in affari con 12 miliardi, Longmire con 11 miliardi è al nono posto e infine, alla base della piramide, troviamo You, che ha ottenuto 10 miliardi di minuti visualizzati su Netflix.

Le serie TV più viste in streaming nel 2020

Questa top ten invece è concentrata su Netflix, dove al primo posto spicca The Office con 57 miliardi di minuti. Al secondo posto #Grey's Anatomy (che può contare su 366 episodi finora). Al terzo posto Criminal Minds, al quarto NCIS, al quinto invece Schitt's Creek e al sesto #Supernatural. Al settimo posto vediamo #Shameless, all'ottavo #New Girl, mentre al nono The Blacklist e a chiudere #The Vampire Diaries.

Advertisement
  1. The Office, 57 miliardi
  2. Grey's Anatomy, 39 miliardi 
  3. Criminal Minds, 35 miliardi
  4. NCIS, 28 miliardi
  5. Schitt's Creek, 23 miliardi
  6. Supernatural, 20 miliardi
  7. Shameless, 18 miliardi
  8. New Girl, 14 miliardi
  9. The Blacklist, 14 miliardi circa
  10. The Vampire Diaries, 14 miliardi circa

I film più visti in streaming nel 2020

Nell'elenco dei film più visti in streaming nel 2020 questa volta Disney+ guadagna più terreno, complice soprattutto forse il numero di bambini che, chiusi in casa, hanno preferito rispolverare qualche vecchio classico d'animazione (ai bambini piace guardare più di una volta la stessa cosa, un'abitudine che potrebbe però non essere soltanto dei più piccoli). 

Ecco la classifica:

  1. Frozen II, Disney+
  2. Oceania, Disney+
  3. Secret Life of Pets 2, Netflix
  4. Onward, Disney+
  5. Il Grinch, Netflix
  6. Hamilton, Disney+
  7. Spenser Confidential, Netflix
  8. Aladdin, Disney+
  9. Toy Story 4, Disney+
  10. Zootropolis, Disney+

Dalla tabella è facile intuire che, ad esempio, il Grinch avrà raggiunto il suo picco nel periodo natalizio (6 miliardi di minuti). In cima alla classifica si conferma uno dei film Disney più amati degli ultimi anni: Frozen con il secondo capitolo ha collezionato quasi 15 miliardi di minuti.

Poco dopo c'è Oceania con 10 miliardi di minuti. Hamilton invece guadagna la sesta posizione con 6 miliardi di minuti, mentre il live-action di Aladdin del 2019 ha ottenuto circa 5 miliardi di minuti visti. Il quarto capitolo di Toy Story si posiziona al nono posto con 4 miliardi, Zootropolis invece al decimo con poco meno. Ma Netflix non è stato da meno: Secret Life of Pets 2 ha guadagnato la terza posizione con circa 9 miliardi di minuti visti, così come Spencer Confidential si è posizionato al settimo posto con circa 5 miliardi di minuti.

Advertisement

Quali tra queste serie e film avete visto durante il 2020?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Perché in Umbrella Academy non ci sono i cellulari?

C'è un motivo preciso per cui in Umbrella Academy nessuno usa mai i telefoni cellulari...anche quando ce ne sarebbe davvero bisogno.
Autore: Elisa Giudici ,
Perché in Umbrella Academy non ci sono i cellulari?

I telefoni cellulari e gli smartphone non appaiono mai in tre stagioni di The Umbrella Academy. Non è né una dimenticanza né un caso, bensì, una precisa decisione degli sceneggiatori della serie Netflix. 

Ovviamente i cellulari non sarebbero coerenti con quando i protagonisti si trovano ad evitare apocalissi durante gli anni '60. Sarebbe però del tutto normale vedere i membri della famiglia Hargreeves utilizzare gli smartphone quando gli eventi si svolgono intorno al 2010, ovvero il periodo in cui ci troviamo per buona parte della storia. Invece questo non avviene. Un particolare non da poco, considerando che spesso a ostacolare i personaggio sono proprio le difficoltà di comunicazione tra di loro. 

Sto cercando altri articoli per te...