Tredici: perché Katherine Langford non è tornata per il finale della serie?

Autore: Marcello Paolillo ,
Netflix
2' 29''
Copertina di Tredici: perché Katherine Langford non è tornata per il finale della serie?

#Tredici - la serie televisiva statunitense creata da Brian Yorkey e basata sul romanzo 13 di Jay Asher - ha sicuramente fatto discutere i fan, specie per dei contenuti realmente attuali ed estremamente delicati (come il suicidio, la violenza sessuale l'omosessualità e il bullismo).

La prima stagione - apparsa sul catalogo Netflix nel 2017 - ha narrato le vicende a seguito del suicidio di Hannah Baker (Katherine Langford), una ragazza che ha deciso di registrare i tredici motivi che l'hanno purtroppo spinta ad arrivare al gesto estremo di togliersi la vita. Le tre stagioni successive, invece, sono incentrate sulle vicende dei ragazzi della Liberty High School, sino a un epilogo aspramente criticato dai fan, un colpo di scena che ha dato il via a un fiume di polemiche per via di una morte realmente sconvolgente.

Advertisement

Tredici Tredici Dopo il suicidio di una ragazza un suo compagno di classe riceve una serie di cassette che rilevano le ragioni della sua scelta. Apri scheda

Come mai però il personaggio interpretato dalla Langford non è comparso nel capitolo conclusivo della serie? Sembra infatti che l'attrice, nonostante sia diventata con il tempo a conti fatti il "volto" dello show, non è stata disponibile per partecipare alle riprese.

Advertisement

Abbiamo infatti visto il personaggio di Hannah solo di sfuggita nel finale dell'ultimo episodio, più precisamente in una visione di Clay Jensen (Dylan Minnette), una scena realizzata usando del materiale inedito girato in precedenza e non implicando quindi la presenza fisica dell'attrice sul set.

La Langford ha infatti rivelato a DigitalSpy che per via dei lavori sulla nuova serie fantasy basata sul mito di Artù e Nimue Cursed (attesa su Netflix il 17 luglio 2020 e che la vede nel ruolo della protagonista) non ha avuto tempo e modo di prendere parte ai lavori dell'ultima stagione di Tredici.

Stavo ancora girando Cursed, quindi non ero in grado di lavoraree a niente altro. È divertente perché non ho nemmeno visto fino alla fine la terza stagione, la sto per finire così guarderò anche la quarta, ora che quel capitolo è concluso. Sono davvero orgogliosa di tutti i membri del cast, siamo ancora molto legati. Penso di sapere come andrà a finire la storia e sono davvero orgogliosa per loro. La chiusura di quel capitolo è stata una parte speciale che farà per sempre parte delle nostre vite.

Considerando la natura conclusiva della quarta stagione, non è al momento prevista una continuazione di Tredici (magari sotto forma di una vera e propria quinta serie), visto e considerato che gli studenti della Liberty High sono ora liberi di proseguire con le loro vite e lasciare i loro drammi alle spalle, una volta per tutte.

Nel cast dello show, oltre a Katherine Langford, troviamo anche Dylan Minnette (Clay Jensen), Christian Navarro (Tony Padilla), Alisha Boe (Jessica Davis), Brandon Flynn (Justin Foley), Miles Heizer (Alex Standall), Ross Butler (Zach Dempsey), Devin Druid (Tyler Down), Gary Sinise (Robert Ellman) e JanLuis Castellanos (Diego Torres).

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

5 grandi titoli, diventati successi su Netflix, che sono pieni di difetti e momenti trash ma che si fanno guardare fino alla fine.
Autore: Simone Rausi ,
5 serie brutte di Netflix che è bello vedere

I dialoghi sono banali, il ritmo è lento, i personaggi sono stereotipati, la fotografia è scadente. Potrei passare al setaccio ogni fotogramma delle serie che vi sto per elencare (e l'ho fatto, è il mio lavoro) ma alla fine di tutto, ciò che più conta è la storia. Cosa dobbiamo chiedere a una serie TV? Coinvolgimento, innanzitutto. Vogliamo che i personaggi ci portino dentro il loro mondo, vogliamo avere una storia da ritrovare la sera e a cui pensare durante il giorno. Queste cinque serie lo fanno. Tecnicamente sono piene di difetti, ma piacciono. Non a caso si tratta di titoli bandiera di Netflix, tutti successoni tanto amati al pubblico, ma meno dalla critica. Eccoli…

Dietro i suoi occhi

È una delle new entry del catalogo Netflix e in poche settimane ha scalato la top Ten. Dietro i suoi occhi è un dramedy. Anzi è un thriller. No, è un fantasy. A volte è persino un horror. Il fatto che non sia incasellabile non è necessariamente un difetto, anche se il pubblico vuole sapere cosa guarda e ogni serie stipula con lo spettatore un patto fin dalla prima puntata. In questo mischione di stili – che rompe il patto diverse volte a episodio – i personaggi fanno scelte stupide e si muovono su una narrazione discontinua (all’inizio lenta, poi frenetica). Ma che importa! Dietro i suoi occhi si “beve” in un paio di sere e fa una specie di incantesimo allo spettatore che avrà solo voglia di arrivare alla fine. Una sorprendente, inattesa, sensazionale, poco credibile, quasi ridicola ma emozionante fine.

Sto cercando altri articoli per te...