CODA vince, Dune trionfa silenziosamente, Will Smith gela l'Academy: tutti i vincitori degli Oscar 2022

Autore: Elisa Giudici ,
News
4' 11''
Copertina di CODA vince, Dune trionfa silenziosamente, Will Smith gela l'Academy: tutti i vincitori degli Oscar 2022

Alla fine i pronostici delle ultime settimane si sono realizzati: è stato Coda - I segni del cuore a vincere la statuetta come miglior film nell'edizione 2022 degli Oscar. Il film, remake di una pellicola francese che racconta la vita quotidiana di una ragazza udente in una famiglia sorda, sbaraglia la concorrenza di Il potere del cane, grande favorito a inizio corsa. Coda - I segni del cuore si porta a casa anche la statuetta come miglior sceneggiatura non originale e miglior attore non protagonista per la performance di Troy Kotsur, vincendo in tutte le categorie in cui è stato candidato.

I segni del cuore I segni del cuore Ruby è l'unica persona udente nella sua famiglia e quando l'attività di pesca famigliare è minacciata, si ritrova combattuta tra perseguire il suo amore per la musica e la sua ... Apri scheda

Advertisement

CODA e Dune sono i vincitori dell'edizione 2021 degli Oscar

Il film Netflix Il potere del cane, che partiva da grande favorivo con il numero record di 12 nomination, vince solo un Oscar ma pesantissimo: quello a Jane Campion per la regia, che mancò nell'anno di Lezioni di piano e che la cineasta neozelandese attendeva da decenni, con ben 5 nomination.

Warner Bros
Timothée Chalamet in una foto promozionale di Dune
Timothée Chalamet si conferma una delle stelle della scuderia di Warner Bros

Sul fronte tecnico Dune sbaraglia la concorrenza e diventa il vincitore silente dell'edizione, con ben 6 statuette, tra cui quella di miglior colonna sonora per Hans Zimmer (alla prima vittoria), miglior fotografia, miglior montaggio, miglior sonoro, migliori effetti speciali. Billie Eilish vince il suo primo Oscar per la canzone No Time To Die, dalla colonna sonora di James Bond.

Niente Oscar per gli italiani nominati

Niente da fare per i candidati italiani: Ryusuke Hamaguchi vince con Drive My Car la statuetta per miglior film internazionale, Encanto primeggia come miglior film animato e i costumi di Cruella vincono la statuetta.

Tucker
Due protagonisti di Drive My Car bevono al bar
L'ultima parte di Drive My Car riserva oscure rivelazioni sui protagonisti della storia

Will Smith vince un Oscar dopo aver tirato un pugno in diretta

Nella categorie attoriali tutto come da programma: oltre a Troy Kotsur vincono Jessica Chastain come miglior attrice protagonista in Gli occhi di Tammy Faye, Ariana DeBose come non protagonista per West Side Story e Will Smith per il ruolo da protagonista in King Richard.

L'attenzione di tutti però è su quanto successo prima: l'attore, indispettito per una battuta di Chris Rock sulla testa rasata di sua moglie Jade, sale sul palco e in diretta sferra un gancio al comico, salvo poi urlare di togliersi dalla bocca il "fottuto nome di sua moglie", due volte. La regia riesce a censurare la diretta statunitense, ma in pochi minuti emergono le versioni non censurare. Nel suo discorso di ringraziamento Will Smith si scusa per il suo gesto, usando pare che sicuramente faranno molto discutere oltre la violenza della sua reazione.

Advertisement
Warner Bros
Richard gioca con Serena e Venus
Quanto è giusto pretendere dai propri figli per tirare fuori loro (e se stessi) da una situazione di degrado?

Chi ha vinto gli Oscar 2022? Tutti i vincitori di categoria

Miglior film

  • CODA

  • Belfast

  • Dont' Look Up

  • Drive My Car

  • Dune

  • Il potere del cane

  • Licorice Pizza

  • La fiera delle illusioni - Nightmare Alley

  • Una famiglia vincente

  • West Side Story

Miglior regia

  • Jane Campion - Il potere del cane

  • Kenneth Branagh - Belfast 

  • Ryosuke Hamaguchi - Drive My Car

  • Paul Thomas Anderson - Licorice Pizza

  • Steven Spielberg - West Side Story

Miglior attore protagonista

  • Will Smith - Una famiglia vincente

  • Javier Bardem - Ti presento i Ricardo

  • Benedict Cumberbatch - Il potere del cane

  • Andrew Garfield - Tick, Tick...Boom

  • Denzel Washington - The Tragedy of Macbeth

Miglior attrice protagonista

  • Jessica Chastain - Gli occhi di Tammy Faye

  • Oliva Colman - La figlia perduta

  • Penélope Cruz - Madres Parallelas

  • Nicole Kidman - Ti presento i Ricardo

  • Kristen Stewart - Spencer

Miglior attore non protagonista

  • Troy Kotsur - CODA

  • Ciarán Hinds - Belfast 

  • Jesse Plemons - Il potere del cane

  • J. K. Simmons - Ti presento i Ricardo

  • Kodi Smit-McPhee - Il potere del cane 

Miglior Attrice Non Protagonista

  • Ariana DeBose  -West Side Story

  • Jessie Buckley - La figlia perduta

  • Judi Dench - Belfast

  • Kristen Dunst - Il potere del cane

  • Aunjanue Ellis- Una famiglia vincente 

Miglior Sceneggiatura Originale

  • Belfast

  • Don't Look Up

  • Una famiglia vincente

  • Licorice Pizza

  • La persona peggiore del mondo

Miglior Sceneggiatura Non Originale

  • CODA

  • Drive My Car

  • Dune

  • La figlia perduta

  • Il potere del cane

Miglior film internazionale

  • Drive My Car - Giappone

  • Flee - Danimarca

  • È stata la mano di dio - Italia

  • Lunana: A Yak in the Classroom - Bhutan 

  • La persona peggiore del mondo - Norvegia 

Miglior film d'animazione

  • Encanto

  • Flee 

  • Luca 

  • I Mitchell contro le macchine

  • Raya e l'ultimo drago

Miglior documentario

  • Summer of Soul (…Or, When the Revolution Could Not Be Televised)

  • Ascension

  • Attica

  • Flee

  • Writing with Fire

Miglior fotografia

  • Dune

  • Il potere del cane 

  • La fiera delle illusioni - Nightmare Alley

  • La tragedia di Macbeth

  • West Side Story

Miglior montaggio

  • Dune

  • Don't Look Up

  • Il potere del cane

  • Tick, Tick...Boom

  • Una famiglia vincente

Miglior colonna sonora

  • Dune

  • Don’t Look Up

  • Encanto

  • Il potere del cane 

  • Madres Paralelas

Miglior canzone originale

  • “No Time To Die” - No Time to Die

  • “Be Alive” - Una famiglia vincente

  • “Down To Joy” - Belfast

  • “Dos Oruguitas” - Encanto

  • “Somehow You Do” - Four Good Days

Miglior scenografia

  • Dune

  • Il potere del cane 

  • La fiera della illusioni - Nightmare Alley

  • La tragedia di Macbeth

  • West Side Story

Migliori costumi

  • Cruella

  • Cyrano

  • Dune

  • La fiera delle illusioni - Nightmare Alley 

  • West Side Story

Miglior trucco e acconciature

  • Gli occhi di Tammy Faye

  • Cruella

  • Dune

  • House of Gucci

  • Il principe cerca figlio

Miglior sonoro

  • Dune 

  • Belfast

  • Il potere del cane

  • No Time to Die

  • West Side Story

Migliori effetti speciali

  • Dune

  • Free Guy

  • No Time to Die

  • Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli

  • Spider-Man: No Way Home 

Miglior cortometraggio (animato)

  • Affairs of the Art

  • Bestia

  • Boxballet

  • Robin Robin

  • The Windshield Wiper

Miglior cortometraggio (live action)

  • Ala Kachuu - Take and Run

  • The Dress

  • The Long Goodbye

  • On My Mind

  • Please Hold

Miglior cortometraggio (documentario)

  • Audible

  • Lead Me Home

  • The Queen of Basketball

  • Three Songs for Benazir

  • When We Were Bullies

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Dune: The Sisterhood, tutte le novità: la regia della serie prequel passa al regista di Chernobyl

Impegnato nella preparazione del secondo film su Dune, Denis Villeneuve cede il testimone al collega Johan Renck: sarà lui a dirigere e produrre The Sisterhood, serie prequel sulle Bene Gesserit.
Autore: Elisa Giudici ,
Dune: The Sisterhood, tutte le novità: la regia della serie prequel passa al regista di Chernobyl

Sarà Johan Renck, il regista della miniserie HBO Chernobyl, a dirigere i primi episodi di Dune: The Sisterhood, la serie prequel del film di Denis Villeneuve. Il regista canadese ha ceduto il testimone al collega, probabilmente per l'impegno gravoso della regia del secondo Dune, film con protagonista Timothée Chalamet nei panni di Paul Atreides, attualmente in corso di pre-produzione.

Mentre il regista di Prisoners e Blade Runner: 2049 si occuperà di girare la saga cinematografica (che dovrebbe essere composta da tre film), il collega noto per aver diretto la miniserie sul disastro nucleare di Chernobyl si occuperà di Dune: The Sisterhood. Nel 2019 infatti HBO Max aveva ordinato la produzione di questa miniserie prequel del film; ben prima che Dune arrivasse in sala, credendo nella visione di Villeneuve, inizialmente intenzionato a dirigere anche gli episodi di questo titolo.

Sto cercando altri articoli per te...