Dal Tesseract a Mjølnir, tutte le armi più potenti del MCU

Spade uniche e dai nomi particolari, gemme dell'infinito e scudi in vibranio: ecco la lista di tutte le armi più potenti del Marvel Cinematic Universe

Marvel Studios Thor con la sua arma Mjølnir

Avere l’arma giusta nella vita è sempre importante, che tu sia un comune mortale o un essere superiore del Marvel Cinematic Universe.

Certo è che, se si è uno degli Avengers o un villain spietato, la possibilità di avere dalla tua uno strumento unico e inimitabile è assai più elevata. È vero anche che questo pone, poi, un'ulteriore domanda: chi è l’eroe, o il cattivo, più potente dell’intero universo?

Marvel StudiosL'arma di Captain America per eccellenza è il suo scudo in vibranio
Captain America con il suo fedele scudo

Dai più conosciuti oggetti come lo scudo di Captain America e il martello di Thor, alle più ingegnose e sofisticate trovate come la Godslayer di Gamora e la freccia Yaka di Yondu, ecco tutte le più potenti armi che la Marvel ha ideato per i suoi personaggi. Veri e propri elementi imprescindibili di ciò che va componendo l’assetto da battaglia del personaggio, come ci ha insegnato fin dall’inizio dell’universo Marvel la costruzione da parte di Tony Stark della sua armatura per diventare Iron Man. Un mondo di oggetti e possibilità micidiali. Signori e signore, scegliete la vostra arma migliore.

Il morso della Vedova Nera

Natasha Romanoff non ha bisogno di presentazioni e, soprattutto, di armi che la proteggano. Il personaggio interpretato da Scarlett Johansson nei film Marvel, però, ha dalla sua un supporto nascosto che può portarla in vantaggio sui nemici. Si tratta del morso della Vedova Nera - Black Widow's Bite -, non certo l'elemento più potente del MCU, ma è sempre bene non sottovalutarlo. Quest'arma permette a Vedova Nera di generare un elettroshock che va a colpire direttamente colui contro cui il personaggio sta lottando. 

Quad Blasters

Se alcuni pensano che l'unico elemento distintivo di Peter Quill, alias Star-Lord, sia il walkman vintage che porta sempre con sé per ascoltare la sua musica, si sbagliano di grosso. L'arma caratteristica del personaggio, infatti, sono i Quad Blasters, simil pistole che permettono a chi le impugna di sparare diversi colpi. La canna superiore dell'arma può sparare colpi di plasma, mentre quella inferiore colpi elettrici. Se i grilletti vengono premuti nel medesimo momento, sparano un colpo ancora più potente. 

Scudo di Captain America 

Tra le armi non solo più potenti, ma tra le più famose dell’intero MCU c’è lo scudo di Captain America, elemento essenziale del personaggio fin dalla sua comparsa nel film del 2011 Captain America - Il primo vendicatore. Tale scudo è usato principalmente dal personaggio di Steve Rogers per bloccare gli attacchi, anche se il supereroe sa bene come usarlo per fini letali. La peculiarità dello scudo è di essere fatto puramente in vibranio, metallo immaginario presente nell'universo Marvel di cui esistono due tipi, quello del Wakanda - terra di Black Panther - e dell’Antartide. Un metallo talmente potente da poter abbattere anche un carro armato, che Captain America ha usato per difendersi da navi aliene, nemici dell’HYDRA e moltissime esplosioni. Anche se rimaniamo convinti e impressionati dalla potenza dello scudo, c’è comunque da ricordare che in Avengers: Endagme Thanos riesce a distruggere tale oggetto. 

Braccio robotico 

A proposito di Steve Rogers, una delle armi non più esclusive, ma sicuramente rinomate, appartiene a un suo vecchio amico. Dopo aver subito una sfortunata caduta, a Bucky Barnes è stato sostituito un braccio in carne e ossa con un arto metallico per gentile concessione dell'HYDRA, la quale ha anche inserito nella protesi un impianto cibernetico. Un braccio robotico che permette all'uomo imprese che, fino ad ora, non aveva mai tentato, come il poter distruggere e spezzare un congegno quale l'imbracatura alata di Falcon con facilità. Avere un braccio robotico, però, comporta anche alcune difficoltà, come la mancanza di flessibilità del braccio, evidente nei combattimenti tra Bucky Barnes e Spider-Man.

Proiettile di Giuda

Quest'arma ha certamente un nome che non promette nulla di buono. Il Proiettile di Giuda può infatti tradire anche uno dei più forzuti supereroi Marvel, come accade con Luke Cage. Se per uccidere un lupo mannaro c'è bisogno di una pallottola d'argento, il materiale alieno del proiettile può causare gravi ferite in un supereroe come, per ben due volte, è capitato a Luke Cage, e potrebbe sicuramente essere micidiale per qualsiasi essere umano. I Proiettili di Giuda sono stati sviluppati dalla Hammer Industries, la quale si è sostituita alle Stark Industries nella corsa alla costruzioni e distribuzione di materiale da guerra dopo che quest'ultima ha deciso di ritirare tale attività. 

Bastone del Tribunale Vivente 

Marvel Studios Il Barone Karl Mordo con il Bastone del Tribunale Vivente
Il Bastone del Tribunale Vivente

Può sembrare un semplice bastone, ma diffidate dalle apparenze. Il Bastone del tribunale Vivente fa la sua prima comparsa in Doctor Strange del 2016, arma con cui il Barone Karl Mordo addestra il medico Stephen Strange nell'arte del combattimento. Il bastone è una reliquia preziosa che ha in sé la capacità di tramutarsi in una frusta.

Iron Legion 

Come nominata in apertura dell’articolo, con l’armatura di Iron Man non si dà il via solamente alla storia di un personaggio, ma al primo capitolo di una mitologia ancora più grande. Quella che, però, rientra tra le armi più potenti del Marvel Cinematic Universe non è la semplice, per quanto esemplare, armatura di Iron Man, bensì una sua versione ampliata e potenziata. E, ancora di più, moltiplicata. La Iron Legion è la schiera di armature costruite da Tony Stark che, in primo luogo, avrebbero dovuto avere come compito quello di difendere i civili, ma che nel corso del tempo vennero usate come vere e proprie armi da combattimento. La prima Iron Legion venne distrutta da Tony Stark per dimostrare il suo amore alla futura moglie Pepper Potts, la seconda - dopo essere stata ricostruita - venne fatta a pezzi nell'attacco difensivo contro Ultron. 

Godslayer

Non solo i Quad Blasters di Star-Lord: in Guardiani della Galassia vediamo comparire la Godslayer di Gamora. Quella che può venir vista erroneamente come una qualsiasi spada ha degli attributi che le permettono una flessibilità inusuale per questo tipo di arma, nonché una forza che le permette di tagliare anche i metalli più resistenti. Ciò che ne permette la facile destrezza è un nucleo energico che ne diminuisce il peso, così da essere assai più semplice da maneggiare e portare. La spada ha anche un coltello che può venir staccato dall'elsa. 

Freccia Yaka 

Continuando con Guardiani della Galassia, abbiamo la freccia Yaka di Yondu, con cui nel secondo capitolo dedicato ai supereroi spaziali vediamo il personaggio uccidere circa un centinaio di nemici, tutto nel giro di pochi minuti. La particolare freccia viene controllata ciberneticamente da chi ne è il possessore da una serie di fischi che ne regolano velocità e direzione. Chi detiene la suddetta arma non ha nemmeno bisogno di tenerla fisicamente tra le proprie mani, avendo questa la possibilità di spostarsi autonomamente in ogni luogo. Sebbene sia un'arma bianca e non causa altro se non qualche danno ai più potenti supereroi, potrebbe rivelarsi mortale per il resto delle persone.  

Midnight Oil 

Marvel StudiosI catastrofici effetti del Midnight Oil
Gli effetti del Midnight Oil

Tony Stark ha appreso tutti i suoi trucchi del mestiere dal padre Howard Stark, sempre intento a ideare e costruire inedite creazioni, sia in ambito militare che scientifico. Alcune volte le due cose andavano combinandosi, come nel caso del Midnight Oil, comparso nella serie Agent Carter e utilizzato come agente chimico distruttivo durante la seconda guerra mondiale. Vera e propria arma, il Midnight Oil se rilasciato induce le persone a una rabbia smodata, tanto da portare quest'ultime ad attaccare qualsiasi cosa capiti loro davanti agli occhi. Un effetto devastante dalle conseguenza disastrose, tanto che fu lo stesso Howard Stark a decidere di distruggere il composto.  

Bastone di Berserker

Marvel StudiosForma e dimensioni del bastone di Berserker
Il bastone di Berserker

Sulla falsariga del Midnight Oil, il Bastone di Berseker dà a chiunque lo tocchi un’incredibile rabbia e una forza sovrumana. Se, però, il Midnight Oil era di produzione "terrestre", il Bastone di Berseker è stato creato da un antico asgardiano. Ad agire sulla persona che impugna l'arma è una scarica di irrefrenabile adrenalina. Questo, però, causa anche degli effetti collaterali, visto che il bastone induce orribili ricordi, facendo spendere così un'immensa fatica a chi lo tiene tra le mani. 

Web-shooter 

Se, dunque, come citato in precedenza, in uno scontro contro Bucky Barnes e il giovane Spider-Man quest'ultimo potrebbe avere la meglio, è per quell'agilità che da sempre contraddistingue il supereroe. Abilità motoria dovuta anche all'arma di Peter Parker, ossia i suoi web-shooter, spara-ragantele, i quali imitano proprio le vere ragnatele presenti in natura tanto da sparare un fluido resistente e flessibile che permette al supereroe sia di combattere che di volare per i palazzi di New York. L’arma web-shooter di Spider-Man ha ricevuto un upgrade quando è stata aggiornata da Tony Stark, che ha inserito nell’armatura del supereroe 567 combinazioni di ragnatele. 

Il Distruttore 

Approdando nel regno di Asgard, ecco comparire in seguenza due delle sue armi più distruttive. La prima è il Distruttore, che nel MCU fa la sua prima comparsa nel film stand-alone di Thor del 2011. Il Distruttore è un automa imparziale, il che permette a chi ne detiene il potere di controllarne le azioni, sia a fin di bene, che a quelli opposti del male. L'intenzione iniziale, comunque, era quella di farne il custode di Asgard e di venire controllato dal sovrano attraverso il Gungnir, lancia magica in mano a colui che siede sul trono. Come segno peculiare, il Distruttore ha un raggio d'energia ardente che può venir sparato direttamente dalla sua testa.

Gungnir 

Marvel StudiosLa potente arma Gungnir in mano a Loki
Gungnir in mano a Loki

Non ci sarebbe nessun Distruttore senza il Gungnir. La suddetta lancia magica è intrisa del potere del dio Odino ed è stata brandita dal sovrano di Asgard innumerevoli volte, come nella sfida contro i Giganti di Ghiaccio. Il merito che si va attribuendo a questa arma non è soltanto la forza che presenta, ma anche il saper sempre colpire l'obiettivo prefissato. Nel MCU vediamo l'arma impugnata dal cattivo Loki.

Scettro Chitauri

Altro oggetto per eccellenza di Loki è lo scettro di Chitauri, che ci permette di iniziare a parlare della prima delle gemme dell'infinito, che ritroveremo più avanti. Il potere dello scettro di Chitauri è quello di saper sparare raffiche di energia e, soprattutto, di influire sul controllo della mente delle persone. Possibilità di controllo che parte tutta dalla gemma della mente, inserita all'interno dello scettro, la stessa che sarà poi impiantata nella fronte di Visione e, infine, strappata a quest'ultimo dal villain Thanos. 

Tesseract 

Altra gemma, altra arma. Passiamo ora alla gemma dello spazio e a uno degli oggetti più controversi del MCU. Il Tesseract contiene al suo interno la gemma dello spazio, la quale permette a chi utilizza tale arma di poter aprire delle porte nell'universo, così da consentire viaggi interdimensionali. E, se non bastasse, il Tesseract possiede anche una fonte di potere tra le più potenti dell'universo. Ad utilizzare l'arma è stato Teschio Rosso, il quale però rimane intrappolato sul pianeta Vomir, e Loki in The Avengers, quando apre un portale che permette a centinaia di soldati Chitauri di invadere New York. 

Hofund

Marvel StudiosLa spada Hofund nelle mani di Heimdall
Hofund nelle mani di Heimdall

Heimdall è il guardiano del Bifrost, ponte di collegamento tra Asgard e il resto dell'universo. Fedele servitore di Odino, interpretato nei film della Marvel da Idris Elba, Heimdall ha come arma con cui adempiere ai suoi doveri Hofund, detta appunto la spada di Bifrost. Oltre alla forza che possiede, Hofund è l'interruttore con cui si attiva Bifrost. 

Necrosword 

Non solo la necrosword fa il suo debutto nel MCU in Thor: Ragnarok, ma lo fa nelle mani di Cate Blanchett, la quale interpreta Hela, la sorella di Thor e Loki. Rimaneggiato il mito della tradizione nordica, Hela non è più, come si legge in alcuni racconti, figlia di Loki, bensì viene presentata nel terzo film di Thor come la primogenita di Odino, rinchiusa e bandita da quest'ultimo a causa della sua malvagità e incontrollabile ambizione. Al suo ritorno in libertà, dunque, Hela sfodera quest'arma costruita per uccidere gli Dei, con cui non solo fa fuori la schiera delle Valchirie come si vede in un'epica scena del film diretto da Taika Waititi, ma va annientando chiunque si trovi nel suo raggio d'azione. 

Crepuscolo 

Surtur è il demone del fuoco della tradizione nordica, presentato anche nel MCU. A lui va attribuita la spada Crepuscolo, detta anche Spada del Destino, con cui il personaggio riuscirà a competere con la necrosword di Hela. Crepuscolo, però, è assai più efficace dell'arma della sua avversaria, visto che non soltanto può sfoderare la propria lama, ma questa può trasformarsi in un rovente getto di fuoco. Essendo in simbiosi con il suo possessore, Crepuscolo cresce e diminuisce a seconda delle dimensioni di Surtur e, quando il demone scompare, la spada scompare insieme a lui. Altro potere dell'arma infuocata è quello di poter distruggere interi pianeti. 

Fiamma eterna 

Nella cripta di Odino il Dio ha esposte diverse armi, tra cui i fan più accaniti ricorderanno il "finto" Guanto dell'Infinito sbeffeggiato da proprio da Hela in Thor: Ragnarok. Di tutti i cimeli esposti vi è la Fiamma eterna, di gran lunga l'arma più potente presente nella stanza, la stessa che Thor e Loki utilizzano per portare in vita Sutur immergendo il suo teschio nel fuoco, sia usata da Hela per resuscitare un esercito di soldati. 

Hadron Enforcer

Abbiamo visto di Quad Blasters di Star-Lord e la Godslayer di Gamora, ma è grazie al procione geneticamente modificato - e parlante - Rocket che i Guardiani della Galassia hanno la loro arma migliore. Si tratta della Hadron Enforcer, nata dalla capacità dell'animale spaziale di saper assemblare armi improvvisate. La Hadron Enforcer viene utilizzata dai Guardiani della Galassia contro Ronan l'Accusatore, sparando proiettili di particelle di adroni che esplodono quando raggiungono l'impatto. I personaggi non riescono comunque a sconfiggere Ronan, ma sicuramente come arma la Hadron Enforcer potrebbe distruggere qualsiasi altro avversario. 

Mjølnir

 

Mjølnir è sicuramente una delle armi più conosciute dell’universo Marvel, al pari dello scudo di Captain America. Anche quest’ultimo è infatti inseparabile da colui che lo possiede. Thor ha un attaccamento speciale verso il martello, il quale è stato realizzato con un metallo speciale dal cuore di una stella morente. Fino alla sua distruzione da parte di Hela, Mjølnir era una delle armi più potenti in assoluto, usato da Thor per attaccare, ma anche per volare e lanciarlo verso gli avversari controllandone percorso e velocità. La particolarità di Mjølnir è che può essere impugnato saltato da colui che il martello ritiene degno, come capitato non solo a Thor, ma al suo compare Captain America.  

Stormbreaker

Quando Hela ha letteralmente sbriciolato il martello Mjølnir è stato un colpo per tutti. Nessuno pensava che Thor avrebbe trovato presto un sostituto al suo fedele compagno, ma ecco invece spuntare Stormbreaker, anche se nei fumetti era l’arma distintiva del personaggio Beta Ray Bill. Stormbreaker è assai più potente di Mjølnir, tanto da poter trasportare le persone da un pianeta all’altro o proteggere Thor da un’esplosione. Quest’ultimo è inoltre l’unico strumento che potrebbe realmente ferire gravemente Thanos.

Spada a doppio taglio

Marvel StudiosThanos impugna la sua spada a doppio taglio
La spada a doppio taglio di Thanos

Le ultime potenti armi dell’universo Marvel sono riservate al suo villain per eccellenza Thanos. La spada a doppio taglio di Thanos non ha un vero e proprio nome che la contraddistingue, ma venendo brandita dal personaggio è possibile notare come sia stata una fedele compagnia nella scena che vedeva il villain protagonista contro Iron Man, Captain America e Thor in uno scontro avvenuto in contemporanea. Una spada talmente potente da riuscire ad avere effetti devastanti su un metallo come il vibranio. Solo Scarlet Witch è riuscita a fronteggiarla.

Guanto dell’Infinito... 

Come abbiamo visto, ogni gemma dell’infinito ha la sua individuale proprietà. Se messe insieme le sei gemme possono rilasciare una potenza senza precedenti. Per incanalare il loro potere insieme c’è bisogno del Guanto dell’Infinito, che nel MCU vediamo sfoggiato da Thanos. Thanos vuole usare gemme e guanto per riportare equilibrio nell’universo, piano che riesce a portare a compimento alla fine di Avengers: Infinity War, spazzando via dall’universo una grande percentuale di individui. Il tutto con un solo schiocco delle dita.

...e Guanto dell'Infinito ricostruito

Dopo lo schiocco delle dita di Thanos in Avengers: Infinity War, metà della popolazione universale scompare dai rispettivi pianeti, mentre il tempo trascorre inesorabile per cinque lunghi anni prima che gli Avengers riescano a trovare una soluzione per riportare coloro che sono scomparsi sulla terra. Riuscendo a stabilire una rete di viaggi nel tempo per recuperare le Gemme dell'Infinito, distrutte da Thanos ormai soddisfatto di aver completato la sua personale missione, Tony Stark riesce a costruire un nuovo Guanto dell'Infinito che, utilizzato da Bruce Banner aka Hulk, riporterà in vita coloro che erano scomparsi, pur ferendo irreparabilmente il braccio del supereroe. Lo stesso oggetto verrà infine utilizzato da Iron Man nello scontro finale del film, per fare fuori il titano Thanos. Il resto, lo sappiamo tutti, è storia. 

Leggi anche

      Cerca